Formula 1, futuro Carlos Sainz: arriva l’annuncio spiazzante

Con il terzo posto al GP d’Italia, ottenuto da Carlos Sainz, ora ad alzare la voce è il padre-manager del pilota della Rossa

È stata la settimana di Carlos Sainz, quella appena trascorsa, dopo la pole position di sabato, il terzo posto di domenica e la disavventura di Milano, dopo lo scippo dell’orologio subito a Via Manzoni da 3 ragazzi di origine marocchina.

Le dichiarazioni di Sainz Senior
Manager del figlio-(Foto Instagram)-sportnews.eu

Il pilota spagnolo, al momento è quello che ha ottenuto più punti con la Ferrari, ma non sa ancora se rinnoverà il contratto con la scuderia di Maranello, perché poco convinto anche dal progetto di Fred Vasseur il Team Manager della Rossa. Intanto, dopo il GP di Monza, è intervenuto il padre Carlos Sainz Sr. a prendere le parti del figlio. 

Carlos Sainz Sr: “Si deve parla con la squadra”

Carlos Sainz, #55 della Ferrari, ha concluso al terzo posto il GP d’Italia, alle spalle dei due alfieri della Red Bull, ossia l’imprendibile Verstappen (che ormai non è più inquadrato dalle telecamere) e Sergio Perez. 

Le dichiarazioni di Sainz Senior
Carlos Sainz-(Foto Instagram)-sportnews.eu

Ed è stata una lunga lotta tra i due compagni per chi doveva salire al terzo posto dinanzi ai tifosi vestiti con maglietta Rossa. E qui, interviene duro, il padre-manager di Sainz, Carlos, che critica la Ferrari sulle comunicazione radio: “Trovo alquanto divertente che la Ferrari, a volte permette delle cose ed altre volte no. Carlos, ha il diritto di chiedere al team perché delle cose volte possono attaccarsi a vicenda e a volte no.”

Il riferimento, probabilmente è ad altri Gran Premi, quando le radio ordinavano a Sainz, di far passare dinanzi Charles Leclerc.

Poi Sainz Senior continua: “C’è da salvare questo terzo posto. È la miglior cosa che è successa oggi”.

Inoltre anche il padre, prevede un futuro diverso del figlio, con l’interessamento dell’Audi per il prossimo anno, che gli vuol garantire ruolo da protagonista.

Impostazioni privacy