Haaland mostruoso: battuto un altro record storico in Premier

Il Manchester City ritorna in vetta alla Premier battendo il West Ham per 3-0 all’Etihad: l’attaccante ancora grande protagonista 

Erling Haaland record gol Premier
Erling Haaland (screen Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

E’ durata meno di 24 ore la vetta temporanea dell’Arsenal. I Gunners, dopo aver battuto il Chelsea 3-1 martedì sera, si erano portati nuovamente in testa alla Premier con due punti di vantaggio sul Manchester City che però aveva in quel momento due partite in meno. I Citizens erano infatti impegnati ieri sera all’Etihad contro il West Ham per ritornare a guardare tutti dall’alto al basso e non hanno fallito l’appuntamento: un sonoro 3-0 e +1 sulla squadra di Arteta.

Haaland segna il gol numero 35 in Premier: demolito un altro record

haaland record gol Premier
Erling Haaland (foto Instagram)

La squadra di Guardiola sembra sempre di più una schiacciasassi e inanella la nona vittoria consecutiva in Premier League, la numero 14 nelle ultime 15 tra tutte le competizioni. Dopo un periodo di appannamento tra gennaio e marzo, i campioni di Inghilterra hanno cambiato mostruosamente marcia e ora sono a un passo da poter trasformare in storica questa stagione essendo in corsa per il triplete. La partita contro gli Hammers, però, non verrà ricordata solamente per il controsorpasso all’Arsenal, ma anche per l’ennesimo record battuto da Erling Haaland. Il norvegese ha segnato il gol del 2-0 a metà della ripresa, ma è stata una rete pesante non solo per il risultato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stankovic ammette: “Esultanza di Pellegri fa molto male…”

Il numero 9 con il suo 35° timbro diventa il giocatore con più gol in una singola stagione nella storia della Premier. Toglie il primato a Andy Cole e Alan Shearer, che lo avevano fissato a 34 nel 1993-94 e 1994-95 (stagioni da 42 partite, contro le 38 di oggi, ma ora siamo solamente alla numero 33). Grande festa a fine partita da parte dei compagni che lo hanno aspettato davanti al tunnel degli spogliatoi per il “Guard of honour“.

Impostazioni privacy