“Distrutto mentalmente” Australian Open, delusione Nadal: ammissione da brividi

Shock per i tifosi di Rafael Nadal, l’uscita al secondo turno degli Australian Open fa vacillare il maiorchino

Rafael Nadal esclusione Coppa Davis
Rafael Nadal infortunato (Foto Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Un durissimo colpo per i tifosi di Rafael Nadal cosi come per lo stesso tennista che ha dovuto cedere il passo già al secondo turno degli Australian Open. Sconfitta arrivata per mano di McDonald con un categorico 6-4, 6-4, 7-5 che non fa ben sperare sul futuro del tennista, calo fisico impressionante mostrato in questo 2023 e lo spettro del ritiro sembra farsi sempre più avanti.

Rafa Nadal da brividi “Non so cosa mi stia succedendo”

Nadal esclusione Coppa Davis
Rafa Nadal (Getty Images)

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Tennis, ritiro Rafael Nadal: annuncio spiazzante, tutti sorpresi

Una brutta sconfitta e soprattutto molto inaspettata contro un arrivabilissimo, almeno su carta, Mackenzie McDonald. Il tennista statunitense numero 65 nel Ranking ATP ha avuto la meglio in 3 set in cui Rafa Nadal non sembra mai essere entrato in campo, a preoccupare ancor di più, tuttavia, sono le parole dello spagnolo rilasciate nel post partita.

Un momento davvero difficile che il tennista non ha nascosto nemmeno davanti alle telecamere, “venivo qui da campione in carica e non mi aspettavo un epilogo simile, ho fatto sacrifici per essere qui ed in questo momento sono molto deluso, è frustrante ma devo andare avanti, non so cosa mi stia succedendo, se sono i muscoli, le articolazioni o se sia qualcosa di più grosso, adesso il problema è l’anca cosi come in passato ma mai a questo livello, adesso sento di non riuscire a muovermi”.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Trapianto di capelli per Rafael Nadal, i dettagli

Parole forti che descrivono un quadro di certo non incoraggiante ma Rafael Nadal non sembra ancora intenzionato a mollare, “ Non so fino a quando ma vado avanti perché mi piace quello che faccio”. A questo punto però ci sarà da ricominciare da capo e il 2023 non promette affatto bene, noi non possiamo che fargli i nostri migliori auguri perché, così come lui, non siamo ancora pronti a vedere questo sport senza il suo contributo sul campo.