Esonero Allegri, ultim’ora da brividi: tifosi senza parole

Esonero Allegri, fiducia a tempo: tecnico nuovamente a rischio. L’allenatore è nuovamente sulla graticola: ecco che cosa può succedere. 

Max Allegri esonero
Max Allegri (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Ora Allegri rischia. Nuovamente. A dispetto delle dichiarazioni di Nedved (”Non è mai stato messo in discussione”), il tecnico è nuovamente sulla graticola e a rischio esonero. I tifosi non ne possono più, la proprietà sembra essersi definitivamente convinta e ora è solo una corsa contro il tempo per cercare di capire quale sarà il momento giusto per agire.

La situazione è particolare, meno drastica rispetto all’inizio ma pur sempre pericolante e non consona agli standard bianconeri: il gioco latita, l’atteggiamento è discutibile e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Quando sembrava in ripresa, ecco ricapitolare in maniera inerme e senza mordente. Inaccettabile per una tifoseria da sempre molto esigente e abituata fin troppo bene.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sostituto Allegri, il nuovo ds porta il profilo richiesto: nome clamoroso

Esonero Allegri, fiducia a tempo: che cosa può succedere

Max Allegri esonero
Max Allegri (Ansa)

Come riporta il ‘Corriere dello Sport’, la sconfitta contro il Milan ha acuito un malumore dilagante che si era attenuato con le due vittorie su Bologna e Maccabi Haifa. Ora la trasferta di Champions in Israele e il derby contro il Torino devono riportare i bianconeri in alto, pena una nuova contestazione e nuovi drammi sportivi da infliggere ad Allegri con la più catastrofica delle decisioni: l’esonero. Soluzione, forse, inevitabile vista la difficile situazione.

L’hashtag #AllegriOut spopola nel web, il clima nell’ambiente non è dei migliori e tutte le soluzioni provate dal tecnico non stanno dando i frutti sperati. Probabilmente la soluzione più ovvia ed immediata per la sterzata definitiva è il cambio di allenatore, un’opzione ritardata il più possibile per motivi economici ma che a novembre potrebbe trovare terreno fertile se la situazione dovesse persistere.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Addio Allegri, retroscena clamoroso: ”Giocatori stanchi di lui”

Fiducia a tempo fino alla pausa per il mondiale, quando saranno tirate le somme per capire come rimediare e soprattutto con chi. Gli alibi delle assenze non reggono, nemmeno Pogba e Chiesa potrebbero riuscire da soli a fare la differenza. Serve una ventata di novità a 360° con un nuovo tecnico che dia nuova linfa vitale ad un gruppo e ad un ambiente ormai rassegnati; l’era Allegri è ormai a fine corsa e con essa tutte le peculiarità di un Allegri pensiero che non ha mai convinto fino in fondo.