Serie A | L’Inter non vince più. Parla Conte

Alla fine della partita, l’allenatore dell’Inter Antonio Conte, ha fatto una disamina dei 90 minuti contro la Fiorentina e della stagione nerazzurra in generale. Ecco le parole del tecnico ai microfoni di Sky sport.

Antonio Conte allenatore dell'Inter dopo il pareggio contro la Fiorentina
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Oggi non siamo stati fortunatissimi, la Fiorentina è venuta a difendersi, ha fatto una buona gara ma difensiva, noi meritavamo di più

Stimolato sulle cause del tanto spreco di occasioni in campo che si tramutano in mancate occasioni in classifica, il mister confessa : “stiamo cercando di lavorare sulla mentalità e sull’istinto killer, quello che ti fa vincere le partite che contano, e sono contento della delusione dei giocatori, vuol dire che qualcosina sto lasciando”

Ecco perchè “ per forza di cose ogni partita si deve dare il massimo, ogni partita deve essere un test su quello che stai facendo, a volte raccogli di più quest’anno abbiamo raccolto meno, ci giocheremo le partite anche per onesta nei confronti di chi si sta giocando obbiettivi, per la mia mentalità il secondo posto non ha significato

Occasioni mancate portano alla mente il momento di difficolta di Lautaro Martinez. Antonio commenta dicendo: ” non credo che le voci di mercato stiano distraendo Lautaro, ricordiamoci che stiamo parlando di un ragazzo di 22 anni, che l’anno scorso non è stato protagonista dell’Inter, non stiamo parlando di giocatore già fatto, è normale che abbia alti e bassi, ha un percorso da fare che può alternare momenti positivi e momenti meno, a me quello che interessa è che Lautaro si impegni in allenamento“, ed aggiunge: ” le voci di mercato a me danno fastidio perchè insultano l’intelligenza del ragazzo

nter, le polemiche di Conte sulle voci di mercato che riguardano Lautaro Martinez
fonte ( GettyImages )

I discorsi di mercato in casa Inter si staranno già facendo, ma il mister ci tiene a mantenere la concentrazione focalizzata su questa stagione che ancora non è finita: ” i discorsi di mercato li rinviamo a fine stagione, c’è un campionato ed una Europa League da onorare, poi finite queste competizioni penseremo alla prossima stagione”