Serie A | L’anticipo della 35^giornata Sassuolo -Milan. Parlano i c.t.

E’ da poco finito l’incontro tra Sassuolo e Milan, l’anticipo serale della 35^giornata, con il risultato di 2 a 1 per il Milan targato Ibrahimovic. Lo svedese con la sua doppietta riavvicina a mister Pioli la panchina del Milan che, alla vigilia, sembrava scappargli via. De Zerbi, con il suo Sassuolo, non era certo disponibile a fare la parte della vittima sacrificale e ci ha provato fino alla fine a fare punti, anche in inferiorità numerica. 

De Zerbi e Pioli prima di Sassuolo e Milan
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Ultim’ora è la notizia che il Milan domani ufficializzerà il rinnovo del contratto di Stefano Pioli, e il possibile arrivo di Ralf Rangnick, allenatore del Lipsia dato per certo già da mesi, è definitivamente sfumato, ufficialmente per i problemi del c.t. a liberarsi dal contratto con Red Bull di cui è il responsabile dello sviluppo calcistico.

Le parole dei tecnici a fine partita ai microfoni Sky

Pioli raggiante sia per il rinnovo che per la prestazione della squadra

Pioli fresco di rinnovo con il Milan
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

“Sono molto felice, sono due giorni che so delle trattative di rinnovo, allenare un club e poter iniziare la stagione in un club cosi prestigioso con una squadra che sono sicuro che ha  qualità e può crescere tanto è molto importante, ma il nostro futuro è pensare a queste 3 partite che ci rimangono in campionato, poi il futuro dal 3 Agosto.”

” Il club si è dimostrato corretto, con i colloqui che ha avuto con me mi hanno detto che le scelte sarebbero state fatte a bocce ferme, quasi a fine campionato quindi io ho pensato solo a lavorare, e lavorare in un ambiente  come Milanello, in cui tutti quelli che ci lavorano lo hanno stampato dentro il Milan, con una squadra che mi ha dato totale disponibilità, conoscendo le qualità della squadra mi faceva ancor più dispiacere per i mancati risultati.”

“Se non fosse ripreso – riferendosi al campionato Pioli – sarebbero cresciuti i rimpianti e non avremmo dimostrato quello che siamo riusciti a fare, insieme all’Atalanta dopo il lock down più punti, dal 6 Gennaio ad oggi saremmo 3 in classifica ”

Ibra, decisivo in campo, entusiasta della notizia del rinnovo del Mister

Pioli ed Ibrahimovic
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

“Ibra è Ibra, ho spiegato a stento le motivazioni della sostituzione, è giusto che sia cosi. Io devo pensare come priorità alla squadra, quando l’ho tolto la partita era già conclusa ed io dovevo pensare ai prossimi incontri e gestire le forze, farò sempre scelte per il bene della squadra, mai per il singolo giocatore ”

Come sono andati gli incontri ed i rapporti con la società

” Io ho sempre parlato con Ivan Gazidis quando sono uscite le prime indiscrezioni, prima di Genova sia in privato che davanti alla squadra ha ribadito che le valutazioni sarebbero state fatte valutando il lavoro svolto ed era tutto nelle nostre mani, ho avuto un rapporto più diretto con Maldini e Massara perchè sono tutti i giorni con noi a Milanello, poi Lunedì sera ho ricevuto la telefonata che mi confermava l’intenzione di riconfermarmi per la prossima stagione.”

Pioli orgoglioso di essere allenatore di un club tra i più prestigiosi al mondo

” Io ci speravo nella conferma perchè sto bene, sto bene con l’ambiente sto bene con i tifosi e avevo voglia di continuare un lavoro che è solamente all’inizio, ci saranno momenti difficili e grandi aspettative, siamo tra 3 club più prestigiosi al mondo, e tanta voglia di dimostrare. Abbiamo giovani forti e io ci speravo, ci speravo veramente”

“Il mio merito è aver creduto nel nostro lavoro aver creduto nelle qualità dei giocatori, che la squadra aveva le possibilità di raggiungere traguardi importanti, e riuscire insieme a renderli più consapevoli, siamo una squadra giovanissima, ed è normale.”

La palla passa a Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo

Roberto De Zerbi allenatore del sassuolo
fonte ( GettyImages )

” La mia lettura è di un primo tempo che al di la dei due episodi dei gol rivedibili, figli della poca attenzione nel non prendere gol, che una squadra come la nostra deve averla sempre altissima, abbiamo giocato alla pari con una squadra tra le più in forma del campionato, ma la partita è rimasta aperta fino all’espulsione.”

L’espulsione pesante per il risultato, ma al c.t. è altro quello che brucia 

De Zerbi allenatore Sassuolo
fonte ( GettyImages )

 

” Il Sassuolo non può permettersi di giocare un uomo in meno contro questo Milan. Poi dei 10 rimasti in campo 7 /8 giocatori credevano nel pareggio 2/3 no, ed è questo che mi da fastidio. Se prendiamo le cose come se fossero decisive allora ci possiamo ritagliare uno spazio importante, se pensiamo di non metterci tutto poi la partita è lunga e si viene a fianco a me a vedere la partita.”

L’aspetto mentale, è quello che fa la differenza

” Io litigavo con allenatori avversari e compagni ma la voglia la avevo sempre, poi era difficile la situazione di oggi -riferito alla partita – però nel calcio non c’è niente di scontato, noi siamo anche giovani eh! e dovremo migliorare. Sicuramente in campo qualsiasi esercitazione in fase difensiva le facciamo, però per me parte tutto dalla testa, dall’attitudine individuale al difendere, che prescinde dalla tattica o dal modulo utilizzato” ” il futuro sono le ultime 3 di campionato, poi andiamo tutti valutati per quello che facciamo, dobbiamo fare delle scelte su chi portarci in futuro e chi invece andare ad aggiungere per migliorarci “

Impostazioni privacy