Addio a Ennio Morricone: il grande maestro e compositore morto a 91 anni

Ennio Morricone è morto. Addio all’amato compositore Premio Oscar, scomparso a 91 anni (ne avrebbe compiuti 92 a novembre). Il musicista italiano è morto in seguito alle complicazioni causate da una caduta

Addio a Ennio Morricone: il grande maestro e compositore morto a 91 anni
Addio a Ennio Morricone: il grande maestro e compositore morto a 91 anni

E’ morto Ennio Morricone: il grande compositore e musicista italiano, celebre per le sue indimenticabili colonne sonore, è scomparso a Roma all’età di 91 anni. Il maestro, che avrebbe compiuto 92 anni a novembre, è morto per le conseguenze di una caduta nei giorni scorsi e la rottura del femore. Se ne va un personaggio simbolo della cultura italiana. Morricone ha reso indimenticabili i film di Sergio Leone con le sue musiche, ma ha fatto moltissimo per la cultura italiana. Famoso in tutto il mondo, ha vinto anche un premio Oscar, proprio per le sue colonne sonore.

Ennio Morricone e lo sport: era un tifoso della Roma

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Adding another concert to the sold out series in Terme di Caracalla on June 23rd! Tickets go on sale tomorrow at 10 AM CET.

Un post condiviso da Maestro Ennio Morricone (@maestro_ennio_morricone) in data:

Ennio Morricone ha reso l’Italia celebre nel mondo per le sue straordinarie colonne sonore. Da “Per un Pugno di dollari” a “C’era una volta in America”, musiche talmente famose che sono diventate il simbolo di quei film, i cosiddetti “spaghetti western”. Morricone ha composto la musica anche di “Nuovo Cinema Paradiso”, anch’esso premiato con l’Oscar. Il compositore era il preferito del grande regista Quentin Tarantino, che lo ha scelto per la colonna sonora di Hateful Eight: proprio con queste musiche il maestro ha vinto il suo ultimo Oscar. Ma Morricone era anche un grande appassionato di calcio: non amava parlarne pubblicamente, ma adorava la sua Roma. Guardava sempre le partite ed era anche molto critico. Nella notte degli Oscar, approfittando della location statunitense e riferendosi alla proprietà americana dei giallorossi, disse: “Vendono troppi giocatori. Se continuano a cedere tutti quelli buoni…”.

Impostazioni privacy