Messi, rottura con il Barcellona: ma è giallo sulla crisi economica del club

Giungono voci dalla Spagna secondo le quali l’attaccante Lionel Messi ha interrotto la trattativa per il rinnovo con il Barcellona. L’argentino potrebbe svincolarsi automaticamente nel 2021. Ma filtrano smentite, e secondo qualcuno potrebbe essere una strategia per far saltare l’attuale giunta che detiene il potere nel club

Messi, rottura con il Barcellona: ma è giallo sulla crisi economica del club
Messi, rottura con il Barcellona: ma è giallo sulla crisi economica del club

Voci clamorose sul futuro di Lionel Messi arrivano dalla Spagna. Si parla di una interruzione della trattativa per il rinnovo del contratto dell’attaccante argentino, che potrebbe lasciare il Barcellona il prossimo anno in modo automatico. La “bomba” è stata lanciata da Cadena Ser, la nota radio spagnola sempre bene informata sulle vicende del Barcellona e del Real Madrid. Senza il rinnovo con il club catalano, Messi sarà libero di andare via alla scadenza naturale del contratto, vale a dire il 30 giugno del 2021. Eppure, sono subito filtrate smentite: la società avrebbe negato questa ipotesi, ma si parla anche di una valutazione in corso da parte di Messi, che sta pensando al suo futuro.

Polveriera Barcellona: il futuro di Messi agita il club catalano

Polveriera Barcellona: il futuro di Messi agita il club catalano
Polveriera Barcellona: il futuro di Messi agita il club catalano

Mentre la squadra di Setien rischia di perdere il campionato (dal vantaggio di +2 sul Real Madrid si è ritrovata a -4 in sei giornate) i rapporti tra il campione e la sua società sono tesi. Messi nel 2021 avrà 34 anni e il rinnovo potrebbe essere insostenibile dal punto di vista economico. Ma, soprattutto, l’attuale dirigenza potrebbe totalmente cambiare e bisognerebbe rinegoziare con i nuovi amministratori del club. Sempre secondo la stampa spagnola, queste voci su Messi potrebbero essere una “semplice” strategia per mettere pressione l’attuale giunta che amministra il Barcellona, in modo da spingere per elezioni anticipate e un conseguente cambio ai vertici societari. Per il Barcellona clima teso fuori e dentro il campo: ora, per salvare la stagione resta soltanto la Champions League.

Leggi anche – Serie A, la promessa di Gravina sugli stadi aperti a luglio

Impostazioni privacy