Home Calcio Calcio Estero Bayern Monaco, Ribery annuncia l’addio: “Non sarà facile”. VIDEO

Bayern Monaco, Ribery annuncia l’addio: “Non sarà facile”. VIDEO

CONDIVIDI
Franck Ribery addio al Bayern Monaco
Franck Ribery addio al Bayern Monaco

La storia tra Franck Ribey e il Bayern Monaco finirà il prossimo giugno, dopo 12 anni.  

L’attaccante francese, 36 anni, attraverso i canali comunicativi del club bavarese, ha annunciato che non prolungherà il suo contratto. L’ultima gara di Ribery con la maglia del Bayern  avverrà all’Alliance Arena nel match di chiusura della Bundesliga contro l’Eintracht di Francoforte, chissà se con l’ennesimo titolo.

Il club ha omaggiato io giocatore sul proprio profilo Twitter con un video.

Queste le parole di Ribery: “Quando sono arrivato in Baviera, un sogno si è avverato. L’addio non sarà facile, ma non dobbiamo mai dimenticare ciò che abbiamo realizzato insieme. Insieme abbiamo vinto più di 20 titoli”.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sul meglio delle notizie di Sport >> CLICCA QUI

In attesa dell’esito di quella in corso, il francese con il Bayern ha conquistato 8 volte la Bundesliga, 5 Coppe di Germania, 1 Coppa di Lega tedesca, 5 Supercoppe di Germania. In campo internazionale, 1 Champions League, 1 Supercoppa Uefa, 1 Coppa del mondo per club.

I tifosi si preparano anche all’addio di Arjen Robben, annunciato nelle scorse settimane. L’olandese dopo un stop di 161 giorni per infortuni vari, ieri contro l’Hannover è tornato in campo, ricevendo il tributo del pubblico.

Sui due giocatori si è espresso il presidente del Bayern Monaco Karl-Heinz Rumenigge: “Franch e Arjen sono grandi giocatori. IL Bayern deve molto a entrambi e riserverà loro un addio commovente. Hanno contribuito a dare forma al decennio di maggior successo del Bayern con un calcio fantastico”.

Nel 2020 verrà organizzata una partita d’addio per entrambi all’Allianz Arena. Il giusto riconoscimento a due campioni che hanno fatto la storia del club tedesco. E non solo.

Leggi anche – Ribery, dopo il Bayern Qatar o Australia: il futuro del centrocampista