Home Calcio Deulofeu: “Non voglio tornare al Barca. Guardiola? Aggressivo e speciale”

Deulofeu: “Non voglio tornare al Barca. Guardiola? Aggressivo e speciale”

CONDIVIDI

Deulofeu

In un intervista alla trasmissione “El Larguero” in onda su “Cadena SER”, l’attaccante del Watford Gerard Deulofeu ha parlato del passato e del presente

Deulofeu in Inghilterra sembra aver trovato la sua dimensione ideale. L’addio al Barcellona la scorsa estate sembrava mettere seriamente in discussione le sue potenzialità, ma al Watford ha ritrovato spazio e continuità.

Con una prestazione superlativa contro il Wolverhampton, ha trascinato la sua squadra in finale di FA Cup, dove se ritroverà il suo ex allenatore Pep Guardiola, attualmente alla guida del Manchester City.

Deulofeu ha iniziato l’intervista parlando proprio di Guardiola: “Quando parlo della sua aggressività, mi riferisco all’intensità che ci mette in ogni allenamento. Rispetto ad altri tecnici, lo vive in maniera diversa. Sotto certi punti di vista quello che ho vissuto con lui è stato terribile, ma allo stesso tempo per me è stato un allenatore speciale. Sono stato con lui poco tempo, ma è stato comunque l‘unico a spiegarmi un po’ di cose quando ero alle prime armi. Tornare a giocare per lui sarebbe stupendo. Al momento è un’opzione alquanto difficile”.

Chiusura al Barca: “La mia esperienza lì appartiene al passato. Non mi piacerebbe tornare per la terza volta. Sono stato un canterano, ma ormai è finita. Voglio proseguire la mia carriera in un’altra direzione”.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport > > CLICCA QUI

Deulofeu: “Sono contento di aver aiutato il Watford a raggiungere la finale”

L’ex giocatore del Milan (che a gennaio ha provato a riprenderlo), è poi tornato sul match di FA Cup vinto domenica, facendo una sua analisi: “Rivedendolo da fuori sembra leggermente meglio di quello che pensavo. Sono contento. Il mio ingresso in campo doveva essere utile per aiutare la squadra e alla fine ho segnato. Gli avversari erano stanchi mentre io ero fresco. Sapevo che ogni azione avrebbe potuto decidere la partita”.

LEGGI ANCHE Psg, Coutinho, la chiave per arrivare al giocatore del Barcellona è Cavani