Home Calcio Premier League, 365 giorni di Manchester United. Dalle colpe di Mourinho alla...

Premier League, 365 giorni di Manchester United. Dalle colpe di Mourinho alla rinascita firmata Solskjaer

CONDIVIDI
365 giorni di Manchester United – Da Mourinho a Solskjaer

L’anno del Manchester United, dal secondo posto con Mourinho al ritorno di Solskjaer


Dopo 20 giornate di Premier League il Manchester United occupa il sesto posto a quota 35 punti. Lo scorso anno, sempre dopo 20 giornate, i Red Devils si trovavano al secondo posto, a -15 punti dalla capolista City. Numeri che lasciano a pensare, un crollo dovuto molto probabilmente al cattivo rapporto tra tutto l’ambiente United e l’ormai ex tecnico Josè Mourinho.

Il portoghese ha rescisso il suo contratto con i Red Devils (con buonuscita) dopo la sconfitta per 3 a 1 contro il Liverpool, dopo che aveva fatto registrare il peggior avvio della squadra dal 1990/1991. Un dato clamoroso arriva però dalle tre partite post Special One. Con Ole Gunnar Solskjaer in panchina il Man United ha messo a segno ben 12 reti, il 30% di quelle realizzate nelle 17 giornate precedenti.

In tutto ciò troviamo anche lo zampino di Paul Labille Pogba, autore di ben 4 reti nelle ultime 3 gare. Il francese era ormai ai ferri corti con Mourinho (molte volte è stato mandato in tribuna) e da questa stagione si era lamentato di questo “odi et amo” che certamente non faceva bene all’ambiente. Con Solskjaer però la musica è cambiata, il francese è stato spostato nel ruolo di trequartista ed è tornato a brillare di luce propria.

Di certo è che Mourinho ormai non aveva la fiducia nemmeno dei cuochi. Parola di Wayne Rooney, leggenda dei Red Devils, che post cambio allenatore ha deciso di sfogarsi pubblicamente.

L’ambiente in casa United non era più quello di una volta. La serenità però è tornata grazie a Solskjaer, ex attaccante proprio dei Red Devils. Ebbene si, il norvegese con la maglia del Manchester United in carriera ha collezionato qualcosa come 366 presenze e 126 reti. Ma il suo ricordo più bello è certamente quello legato alla Champions League 1998/1999. Solskjaer, da subentrato, siglò contro il Bayern Monaco la rete che consegnò la coppa dalle grandi orecchie agli uomini di Sir Alex Ferguson.

Il 2019 dovrà essere nuovamente l’anno della svolta per lo United, che nonostante tutto è ancora in corsa per qualificarsi alla prossima edizione della Champions ma che comunque si trova, anche grazie a Mourinho, agli ottavi dell’edizione 2018/2019.

Nonostante tutto, Josè Mourinho, sulla panchina del Manchester United non lascia soltanto brutti ricordi. Dal 2016 per lui una Community Shield, una EFL Cup ma soprattutto un’Europa League.

LEGGI ANCHE – Premier League, un anno di Liverpool. La macchina perfetta di Klopp