Home MotoGP MotoGP, Iannone crede nel progetto Aprilia: “Ottimista, buona base”

MotoGP, Iannone crede nel progetto Aprilia: “Ottimista, buona base”

CONDIVIDI

andrea iannone motogp aprilia

MotoGP | Iannone determinato per il suo futuro in Aprilia.

Andrea Iannone ha tanta voglia di riscattarsi in Aprilia, dopo essere stato scaricato dalla Suzuki. La casa di Noale punta a crescere in MotoGP e si è voluta affidare a lui per migliorare.

Il pilota di Vasto ha maturato una buona esperienza nella top class del Motomondiale e può aiutare lo sviluppo di una RS-GP. The Maniac affiancherà Aleix Espargarò, che da due anni guida la moto con risultati altalenanti. L’ingaggio di Iannone vuole rappresentare un salto di qualità da parte di Aprilia, che in MotoGP è ancora distante dalla zona podio.

-> Se vuoi restare aggiornato su tutte le notizie della MotoGP CLICCA QUI

Iannone è consapevole di avere tanto lavoro da fare col team. Tuttavia, è fiducioso di riuscire ad essere competitivo in futuro: «La moto ha una base davvero molto buona – riporta Autosport -. Ci sono certamente cose da migliorare, ma sono ottimista. Non è una moto con grandi problemi, perché è molto agile ed è manovrabile senza fastidi. Dobbiamo migliorare nell’accelerazione e nel controllo, ma queste sono situazioni che non mi preoccupano. Inoltre il motore è molto potente».

Il pilota italiano è positivo e tranquillo, ritiene che Aprilia possa ridurre progressivamente il gap dalla concorrenza e consentirgli di essere competitivo: «Non serve rivoluzionare la moto, abbiamo del margine. Bisogna capire meglio cosa abbiamo a disposizione e utilizzarlo al meglio. Sono molto calmo, perché ho una grande voglia di fare bene e perché sono in un team che sta provando a offrirmi il massimo supporto possibile. E’ ciò che mi aspettavo. Sono molto felice della mia scelta di venire in Aprilia». Vedremo se Iannone riuscirà a dire la propria in sella alla RS-GP. Certamente servirà del tempo, la moto di Noale parte abbastanza indietro.

 

Leggi anche -> MotoGP, dalle penalità alle gomme: novità regolamentari dal 2019

Matteo Bellan