Home Calcio River Plate-Boca Juniors, le probabili formazioni della Finalissima

River Plate-Boca Juniors, le probabili formazioni della Finalissima

CONDIVIDI
Probabili Formazioni River Plate-Boca Juniors
Probabili Formazioni River Plate-Boca Juniors

A pochi giorni dal match vediamo quali potrebbero essere le probabili formazioni di River-Boca

Mancano sol quattro giorni alla finalissima di Copa Libertadores 2018 tra River Plate e Boca Juniors. Gli Xeneize hanno già raggiunto Madrid, mentre il River è in volo in queste ore. Alla partenza i tifosi di entrambe le squadre hanno fatto sentire tutto il loro calore. Anche se il match si giocherà dall’altra parte del mondo, le due anime di Buenos Aries con il cuore saranno nella capitale spagnola.

-> Se vuoi rimanere aggiornato sulle notizie di sport -> CLICCA QUI

Le due squadre hanno potuto sfruttare questi 15 giorni dal rinvio dell’ultima finale per recuperare alcuni indisponibili. In casa Boca, Pavon ha circa un’ora di gioco nelle gambe. Il tecnico Schelotto potrebbe anche farlo partire dall’inizio per scombinare i piani del collega Gallardo. In attacco è da verificare la condizione di Abila, che deve risolvere alcune noie muscolari. Ok invece Tevez che si è allenato regolarmente. Nell’ultima partita di campionato l’attacco è stato formato da Zarate, Villa e Benedetto. Gli ultimi due potrebbero scendere in campo al Bernabeu

BOCA JUNIORS : Rossi; Jara, Izquierdoz, Magallan, Olaza; Perez, Barrios, Nandez; Pavon, Benedetto, Villa.

I giocatori in dubbio in casa Millonarios sono Scocco, Quintero e Mora. Difficilmente i tre vedranno il campo nell’undici titolare, ma possono essere considerati recuperati. Gallardo dovrà fare i conti con Pavon e per questo potrebbe apportare qualche modifica alla formazione, rispetto a quella decisa al Monumental. Non c’è Santos Borrè, squalificato, e il tecnico potrebbe optare per un centrocampo a cinque inserendo Fernandez.

RIVER PLATE: Armani; Montiel, Maidana, Martinez, Pinola, Casco; Palacios, Perez, G. Martinez, Fernandez; Pratto.

di Andrea Pierantozzi

LEGGI ANCHE – LE PAROLE DI MODRIC DOPO IL PALLONE D’ORO