Home Calcio Inter, Thohir: “Obiettivo qualificazione in Champions”. E su San Siro…

Inter, Thohir: “Obiettivo qualificazione in Champions”. E su San Siro…

CONDIVIDI
(getty images)
(getty images)

NOTIZIE INTER – Il presidente dell’Inter Erick Thohir ha parlato all’indomani del pareggio a reti bianche tra Inter e Juventus, affrontando a 360° tutti i temi che riguardano la squadra nerazzurra, commentando ai cronisti presente a margine dell’assemblea dei soci del club.

Sui rapporti con Infront
La nostra partnership con loro è trasparente a tutti i livelli. Abbiamo tanti altri partner, in Italia ma anche in Asia e negli Stati Uniti, con relazioni sempre molto trasparenti. Al momento la situazione di Infront non può essere commentata perché le autorità stanno svolgendo le indagini. Tra i valori fondamentali dell’Inter c’è la trasparenza ed è per questo che oggi abbiamo tenuto l’assemblea dei soci condividendo numeri e strategie.

Sul futuro dello Stadio San Siro
È importante investire su San Siro e negli ultimi mesi questo è accaduto. Se lo faremo insieme al Milan non lo so, ma comunque rispettiamo la partnership e aspettiamo di capire il loro orientamento, nel rispetto delle tempistiche. Noi come Inter siamo pronti, dobbiamo solo sapere se agire da soli o insieme. Quest’anno abbiamo la finale di Champions League a San Siro e sia noi che il Milan ne beneficeremo con la possibilità di fare ristrutturazioni. Il ‘Meazzà è il tempio del calcio e deve essere in grado di competere per diventare uno dei migliori stadi al mondo.

Sulla Champions League
Crediamo di aver costruito una squadra forte, il nostro obiettivo per quest’anno è entrare in Champions League e in questo momento siamo in linea con questo obiettivo. Ieri sera abbiamo fatto una buona partita, i risultati sono positivi e stiamo raccogliendo punti ogni giornata. Siamo soddisfatti della rosa attuale e del lavoro di mister Mancini. Naturalmente a gennaio ci sono sempre partenze e arrivi, è nella natura di questo sport. Ma acquisteremo solo se sarà nell’interesse del club. Siamo d’accordo con Mancini di non fare entrare giocatori solo per il gusto di farlo. Sostanzialmente non abbiamo nessuna intenzione di cambiare i nostri rapporti in questo momento. Finora è andato tutto bene, siamo soddisfatti e siamo molto rispettosi delle nostre relazioni. Vogliamo continuare a lavorare per gli interessi del club.