NBA, caos a Los Angeles: interviene la sicurezza alla Crypto Arena, il motivo

NBA, caos a Los Angeles: ecco che cosa è successo nelle scorse ore, è stato richiesto anche l’intervento della sicurezza alla Crypto Arena.

Rissa nba los angeles
Rissa (screen Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Momenti concitati durante la sfida tra Lakers e Grizzlies delle scorse ore. Uno dei match più attesi della NBA ha vissuto momenti di panico che stavano per sfociare in qualcosa di fuori controllo, visto che tra panchina e campo si è acceso un parapiglia davvero fuori inatteso.

Alla fine del secondo quarto, Shannon Sharpe ha iniziato a litigare con i giocatori della squadra avversaria tanto da richiamare l’intervento della sicurezza, che ha dovuto poi scortare Sharpe nel tunnel della Crypto Arena. Durante l’intervallo c’è stato il chiarimento, ma il parapiglia nato nel mentre non è stato sicuramente uno spot interessante per il basket americano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> NBA, LeBron James supera i 38.000 punti in carriera: quanto manca al record di Kareem

NBA, caos a Los Angeles: ecco che cosa è successo

Lo stesso Sharpe ne ha parlato successivamente a ‘ESPN’: “Tutto è nato durante un alterco nella gara, quando ho detto a Brooks che era tropo piccolo per marcare LeBron. Lui mi ha mandato a quel paese, ci siamo presi. Poi è arrivato Ja e le discussioni hanno cominciato a degenerare. Questi parlano molto, non fatevi prendere in giro da loro.” riporta ‘Sky Sport’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> NBA, i risultati della notte(16 Gennaio): brutto KO per i Lakers, tutto facile per i bulls

Queste le parole dei giocatori sull’accaduto: “Non sarebbe dovuto tornare a bordo campo ma a Los Angeles permettono tutto” ha detto Brooks. LeBron, invece, ha preso le difese di Sharpe.