Sinner fa sognare gli italiani, ecco cosa può succedere a partire dal prossimo match

può vincere il torneo!” Dichiarazioni scottanti in vista del prossimo decisivo incontro in Australia

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Ormai le speranze per il tennis italiano, soprattutto in questo primo grande slam, sono riposte tutte su di lui. Jannik Sinner certamente non ha brillato, conquistando l’accesso agli ottavi in questa edizione degli Australian Open, solo dopo aver lasciato andare i primi due set. Le sensazioni per il proseguo non sembravano delle migliori ma non sembra pensarla così Simone Vagnozzi che in un’intervista rilasciata per la “Gazzetta dello Sport” ha rincuorato gli italiani, ecco perché l’altoatesino può vincere il torneo.

Simone Vagnozzi: “Sinner ha dimostrato che il livello c’è, adesso è pronto”

Jannik Sinner (screen Instagram)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Tennis, Australian Open: Rafa Nadal verso il ritiro, piovono conferme

Non avremmo potuto sentire parole più confortanti soprattutto in vista dell’imminente e difficile impegno in campo di Jannik Sinner. Questa volta l’avversario da battere sarà di assoluto livello, il greco Tsitsipas già lo scorso anno ha rifilato una brutta batosta all’altoatesino vincendo 3 set a zero, batterlo significherebbe quindi aver fatto davvero un grosso salto di qualità.

Il primo a credere nel ragazzo sembra essere proprio il suo allenatore Simone Vagnozzi, “Anche se ha perso contro Djokovic ed Alcaraz, Jannik ha dimostrato il suo valore e di essere pronto anche a vincere, non solo and andarci vicino!“. Queste le parole di incoraggiamento per il suo pupillo e per tutti gli italiani che sperano davvero nella crescita del ragazzo dal potenziale altissimo già espresso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>TENNIS ATP. Italia avanti con Vagnozzi.

È ancora giovanissimo e con ampi margini di crescita ma a quanto pare già candidato per agguantare tutta la torta. La prima dimostrazione arriverà comunque a breve e la speranza è che le parole del suo allenatore non siano state solo un incentivo per il ragazzo ma che rispecchino la realtà attuale delle cose, per capire se il salto di qualità è avvenuto basterà comunque pochissimo, contro Tsitsipas ci si gioca in pratica una buona parte del futuro in questa stagione.