Ferrari, adesso è tutto vero: l’annuncio fa sognare i tifosi

Rivelazione senza precedenti dell’ex pilota Jean Alesi, ecco chi è il “mostro” da battere nel prossimo mondiale.

Formula1 DRS Invertito
GP Formula1 (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Tra poco scopriremo qualcosa di più sulle innovazioni portate dagli ingegneri per il mondiale 2023, non solo Ferrari ma anche gli altri sembrano essersi ben organizzati per una lotta che avverrà senza esclusione di colpi. Non sarà però una sfida tra piloti, questo almeno secondo l’ex pilota Jean Alesi che ha recentemente espresso la sua posizione su quello che decidera realmente il vincitore del prossimo titolo iridato. È ancora la Red Bull la scuderia vincente ma soprattutto grazie al genio del loro specialista Adrian Newey.

Alesi è sicuro, se Newey farà il suo per gli altri non ci sarà nulla da fare!

diatriba FIA formula1
Adrian Newey Red Bull (Foto Instagram)

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>F1, grossi stravolgimenti in corso: mosse scioccanti

Ha parlato di futuro anche Jean Alesi e questa volta ai microfoni di Autosprint. Non saranno i piloti a fare la vera differenza, il talento in pista non manca da nessuna parte, forse mai come in questi ultimi anni, le macchine peró evidenziano differenze sostanziali e, al vertice di tutti, sembra esserci la Red Bull arrivata a questo livello soprattutto alle magie di Adrian Newey.

Queste le dichiarazioni di Alesi: “Newey è un arma in più, da quando la F1 ha annunciato le nuove regole e dato maggior libertà agli ingegneri lui ha fatto la differenza. Se dovesse presentare un nuovo capolavoro, così come è successo ultimamente, per gli altri sarà ancora una volta molto difficile superare la Red Bull”.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>F1, braccio di ferro prima del mondiale: scoppia il caso

Parole di stima infinita verso il “mago” inglese in forza alla Red Bull, fino ad ora, comunque, i risultati danno ragione ad Alesi e adesso bisognerà solo capire se le contromosse degli avversari saranno efficaci. Anche in Ferrari si è lavorato molto e le nuove introduzioni tecniche fanno ben sperare, il verdetto finale spetta comunque alla pista e per quello non resta che attendere ancor più di un mese.