Caso Plusvalenze, richiesta shock: 9 punti di penalizzazione alla Juventus

Caso Plusvalenze, ci siamo: sono momenti di tensione per il calcio italiano che potrebbe presto essere vittima di un altro terremoto. Richiesta shock: 9 punti di penalizzazione alla Juventus, gli sviluppi. 

Juventus dirigenza punti penalizzazione
Juventus dirigenza (screen Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Il giorno della verità è arrivato. O meglio, il giorno che potrebbe segnare l’inizio della fine e una nuova era per il calcio italiano. Proprio in questi minuti si sta svolgendo l’udienza sul caso plusvalenze presso la Corte federale d’Appello, processo che vede coinvolti diversi club di Serie A e non solo tra cui Juventus, Sampdoria, Empoli, Genoa, Parma, Pisa, Pescara, Pro Vercelli e Novara della precedente gestione.

Tra loro, come rivela ‘Sky Sport’, sotto la lente d’ingrandimento anche 52 dirigenti tra cui la vecchia dirigenza della Juventus, compresi dunque Agnelli, Nedved, Arrivabene e Cherubini. Vista anche la presa di posizione del CDA bianconero, ci si aspettava qualcosa di grosso che effettivamente potrebbe arrivare: la richiesta del procuratore, infatti, non ha assolutamente fatto piacere ai tifosi e non solo…

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> DAZN sorprende tutti: scelta clamorosa, l’ira degli utenti sul web

9 punti di penalizzazione alla Juventus: richiesta shock

Juventus dirigenza punti penalizzazione
Juventus dirigenza (screen Instagram)

Il procuratore Chiné ha chiesto 9 punti di penalizzazione per la Juventus. Una stangata pazzesca che si aggiunge alle vari inibizioni chieste per i vari dirigenti: 20 mesi per Paratici, 16 mesi per Agnelli, 12 per Nedved, Garimberti e Arrivabene, 10 mesi per Cherubini. Ora la Corte di Appello dovrà esprimersi se riaprire il processo o meno, una decisione che porterebbe a giudizio sulle pene richieste.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Riparte il campionato: come abbonarsi a DAZN in un minuto

Al vaglio anche le ammende qualora venissero confermate le sentenze richieste. I club e i dirigenti puntano alla revocazione e all’assoluzione delle accuse: ora è tutto in mano ai giudici che dovranno esprimersi in tal senso.