Calciomercato Inter, addio Skriniar: la trattativa spaventa i tifosi

Segnali di rottura tra il difensore Milan Skriniar e la sua squadra, l’ultimo dietrofront fa tremare la piazza neroazzurra

Inter rinnovo contratto Skriniar
Beppe Marotta (Riccardo Antimiani – Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La situazione tra Skriniar e l’Inter si è deteriorata nelle ultime settimane, con entrambe le parti che sembrano lontane dall’arrivare ad un accordo per il rinnovo del contratto del difensore. Skriniar, considerato uno dei migliori difensori del campionato italiano, è in scadenza di contratto nel 2023 e la società fin da questa estate sta facendo di tutto per trattenerlo, le ultime vicende tuttavia non sembrano far trapelare ottimismo con la partenza del giocatore che a questo punto potrebbe arrivare già nel mercato di gennaio.

Skriniar fa saltare l’incontro per il rinnovo, cessione ormai alle porte

Calciomercato Inter Skriniar
Milan Skriniar (Instagram – milanskriniar)

I tentativi dell’Inter per arrivare ad un rinnovo sono costanti ma l’ultimo dietrofront di Milan Skriniar sembra un segnale chiaro. A nulla è servita nemmeno la dichiarazione d’amore dei tifosi manifestata con uno striscione nell’ultimo incontro a Monza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cristiano Ronaldo, adesso è ufficiale: la verità sulle clausole

Con un contratto in scadenza a giugno potrebbe quindi arrivare la decisione di anticipare i saluti cosi che la società nerazzurra possa comunque ricavare qualcosa dalla cessione del giocatore, di certo però i 60 milioni del cartellino sono una visione lontana. Nemmeno l’offerta di raddoppiare quasi il suo attuale ingaggio sembra aver funzionato e quindi bisognerà che i tifosi e la società comincino a sposare l’idea di dire addio alle prestazioni del difensore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, De Laurentiis scatenato: all-in sulla rivelazione del Mondiale

Come riportato dalla “Gazzetta dello Sport” l’ultimo sforzo nerazzurro parla di un’offerta quasi raddoppiata rispetto all’ingaggio attuale, i 3.8 milioni di euro portati a 6 non sarebbero comunque appetibili come i 9 milioni proposti dal PSG che, in caso di acquisto da free agent, potrebbe addirittura aumentare tale proposta rendendo del tutto impossibile qualsiasi tentativo da parte della squadra di Milano.