F1, ultim’ora Charles Leclerc: frattura interna, cosa succede

Leclerc comincia a battere i pugni, per la prossima stagione le richieste fatte alla Ferrari sono assurde, si rischia la frattura interna nel team

Leclerc Sainz prima guida
Carlos Sainz e Charles Leclerc (Foto da ANSA)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

C’è sicuramente molto da migliorare in scuderia Ferrari e su questo non ci sono dubbi, per Charles Leclerc tuttavia una delle basi dalle quali partire sembrerebbe essere proprio quella di stabilire delle gerarchie. Nella stagione appena terminata, infatti, sono stati tanti gli episodi in cui una delineazione poco netta di strategia ha portato al fallimento, situazione da non ripetere assolutamente stabilendo fin da subito chi sia la prima guida sul quale dirigere tutte le attenzioni, situazione scomoda per Carlos Saiz che ha spesso dimostrato di non valer meno del monegasco.

Leclerc chiede la prima guida, subito una gatta da pelare per Vasseur

Leclerc Sainz prima guida
Sainz e Leclerc (Foto ANSA)

Sarà una delle prime questioni sui cui porre l’attenzione per Frederic Vasseur, probabile sostituto di Mattia Binotto nei panni di futuro Team Principal di Ferrari. Fin ora in scuderia i due piloti sono stati trattati alla pari ma presto le cose potrebbero cambiare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ferrari, svelato il punto debole della F1-75: da non credere

Nel 2023 l’ipotesi è di affidare una “Prima Guida” sulla quale rivolgere maggiore attenzione, una questione che potrebbe far storcere il naso a Carlos Sainz che in stagione ha comunque sempre dato la sua disponibilità nel favorire il compagno. Sarebbe ben diverso però se la questione divenisse un obbligo, stabilendo già in principio chi dovrà lottare per il titolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ferrari nei guai, rifiuto clamoroso del dirigente, continua la caccia al Team Principal

A Maranello comunque c’è grossa aria di cambiamento e non è al momento escludibile nessuna ipotesi, tutto o tanto dipenderà dal sostituto di Mattia Binotto, per molti tuttavia sarebbe bene continuare così, senza creare ruggini tra i due piloti di Ferrari e vedere, con il delinearsi della stagione, quali strategie attuare su questo punto di vista.