Non solo Juventus, catastrofe in Serie A, anche altri club sarebbero a rischio sanzione

Non è solo la Juventus ad essere nei guai, conferma arrivata proprio dal presidente della FIGC Gabriele Gravina, ecco le squadre che rischiano grosso

Juventus scandalo serie a
Gabriele Gravina (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Ad alzare il polverone è stata la Juventus perché nell’inchiesta “Prisma“, che ha evidenziato alcune inesattezze nelle dichiarazioni dei bilanci soprattutto relative ai stipendi di alcuni calciatori, potrebbero rientrare anche altre squadre sulla quale la lente d’ingrandimento non si è ancora soffermata. Sale la preoccupazione per il futuro perché il “caso” Juventus potrebbe creare un pericoloso precedente che colpirebbe tutto il sistema.

Gravina perentorio: “Non parliamo di Juventus, bisogna riflettere sull’intero sistema!”

Juventus scandalo serie A
Gabriele Gravina (Foto Ansa)

Nell’intervista riportata dal “Corriere Dello Sport”, Gabriele Gravina sembra aver voluto accendere i riflettori sull’argomento asserendo come sia l’intero sistema calcio spesso a lavorare ai limiti del consentito, sale la preoccupazione quindi anche per altri club della massima serie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Terremoto Juve, retroscena incredibile: tifosi sconvolti

Queste le parole del presidente: “Se volete iniziare il linciaggio fatelo pure, secondo me però bisogna restare calmi perché il tema potrebbe riguardare anche altri, credo che alcuni attacchi gratuiti da chi dovrebbe guardare prima in casa sua siano fuori luogo, aspettiamo prima di conoscere l’esito del procedimento”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Roma tenta l’impossibile, scambio da brividi per arrivare al campione che cambierebbe la stagione

Ovviamente la frecciatina è stata lanciata direttamente alla Liga che, per prima, ha aizzato la Uefa nell’approfondire su quanto stesse succedendo in casa Juve. Adesso è il caso di attendere la fine del processo prima di poter sapere quale sia tutta la verità dietro la vicenda, resta però un fatto, ovvero che la dimissione dell’intero CDA della Juventus non fa ben sperare sull’ipotesi che la società bianconera sia davvero estranea ai fatti imputati.