Allegri cambia tutto: due nuovi moduli per salvare la panchina

Allegri cambia tutto: due nuovi moduli per salvare la panchina. Il tecnico prova a cambiare l’inerzia della stagione così. 

Max Allegri nuovi moduli
Max Allegri (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Potrebbero esserci delle grosse novità per quanto riguarda la Juventus del futuro. Dal rientro dalla sosta, Massimiliano Allegri è chiamato a dare una svolta ad una stagione negativa sino a questo momento: l’ottavo posto in campionato, frutto di 2 vittorie, 4 pareggi e 1 sconfitta, stona con le ambizioni della società e con il ritorno del tecnico, rientrato a Torino dopo due anni sabbatici ma non in grado di riportare i bianconeri sulla vetta della classifica.

La società lo ha confermato per una questione economica ma i tifosi vogliono da tempo la sua testa; per questo deve cercare di cambiare registro per salvare la panchina sino alla pausa per il mondiale. Ecco, dunque, due possibili opzioni per cercare di dare un gioco alla squadra ed essere competitivo su più fronti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sostituto Allegri, ha scelto Nedved: Agnelli perplesso, ecco perché

Allegri cambia tutto: nuove idee per salvare la panchina

Max Allegri nuovi moduli
Max Allegri (Ansa)

Come rivela ‘Fantacalcio.it’, la prima idea sarebbe il 3-4-1-2: dunque mettere nelle condizioni ideali il nuovo acquisto Bremer (abituato alla difesa a 3) e accoppiare Milik e Vlahovic insieme. Il ruolo del trequartista potrebbe essere sfruttato da Pogba (quando rientrerà) o Paredes, mentre sugli esterni spazio a Kostic (anche lui in una posizione congeniale) e Cuadrado.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vlahovic e Kostic brillano in nazionale: Juventus, nuove ombre su Allegri

Con il rientro di Chiesa potrebbe essere proposto il 4-2-3-1: dunque o Vlahovic o Milik davanti, con Chiesa e Kostic ai lati e Pogba o Paredes trequartisti. Il ritorno della difesa a 4 garantirebbe ovviamente maggiore equilibrio visto l’utilizzo di 4 giocatori offensivi utilizzati insieme, sicuramente una novità assoluta per il tecnico che punta da sempre all’equilibrio e alla compattezza per vincere le partite.