Lazio-Verona, Sarri imbufalito: clamoroso gesto nel secondo tempo

Lazio-Verona, Sarri imbufalito: clamoroso gesto nel secondo tempo. Il tecnico non le ha mandate a dire: ecco cos’è successo. 

Maurizio Sarri gesto
Maurizio Sarri gesto (screen web)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La Lazio torna alla vittoria battendo il Verona per 2-0 al termine di una partita ben condotta e gestita al meglio sotto il profilo squisitamente tecnico. Ad un anno di distanza si sta vedendo chiaramente e dall’inizio la mano dell’allenatore, che ha saputo trasmettere i propri principi di gioco ad una squadra che sta offrendo una delle migliori interpretazioni del gioco della Serie A di quest’anno.

Tuttavia, quando sembrava una serata gioiosa per i colori biancocelesti, al 73′ è accaduto qualcosa di insolito e grave che ha visto coinvolto il tecnico Sarri: ad un certo punto le telecamere hanno inquadrato il mister che ha mostrato il dito medio verso la panchina del Verona, una sorta di fulmine a ciel sereno in una giornata particolarmente favorevole per Immobile e compagni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Auriemma contro Spalletti: il VIDEO che inchioda il giornalista partenopeo

Lazio-Verona, clamoroso Sarri

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da S.S. Lazio (@official_sslazio)

Secondo DAZN, il destinatario era il team manager del Verona Mazzola, reo di aver protestato con l’arbitro per un contatto tra Ilic e Luis Alberto che ha portato all’ammonizione dello spagnolo. La reazione non deve essere particolarmente piaciuta a Sarri che, al termine di un veloce battibecco, ha deciso di esprimere il proprio malcontento con un eloquente gesto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esonero Giampaolo, la società riflette: scelto il nuovo mister

E’ altamente probabile che il giudice sportivo prenderà provvedimenti nei confronti di entrambi o comunque dell’allenatore della Lazio, pizzicato in maniera esplicita e senza censure. Da capire se il comportamento porterà a multe e/o squalifiche ma il tecnico è ‘recidivo’, in quanto nel 2018 lo fece all’indirizzo dei tifosi bianconeri ai tempi del Napoli.