Mourinho infuriato in conferenza stampa, il retroscena è incredibile!

Nell’ultima conferenza stampa prima della partita di stasera Mourinho ha lasciato trapelare dettagli sconfortanti riguardo la situazione in rosa

Mourinho conferenza rivelazioni
Josè Mourinho (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La prima chiamata della Roma dopo la brutta batosta rimediata contro l’Udinese vedrà i giallorossi impegnati in Europa League in una partita importante per raggiungere la qualificazione diretta alla fase successiva, i 3 punti sul piatto sono pesantissimi e José Mourinho si è portato in sala stampa con i nervi a fior di pelle. A far scattare definitivamente la molla è stata però la domanda di un giornalista su chi fossero gli indisponibili del match, domanda semplice e diciamo lecita ma è la reazione del tecnico a svelare retroscena preoccupanti.

Josè Mourinho manda fuori Abraham e Karsdorp ma non vuole dire bugie, pesante bocciatura

Tammy Abraham
Tammy Abraham (ansa foto)

Che il tecnico in conferenza stampa fosse poco tranquillo si è visto subito, nessuno però avrebbe immaginato una reazione simile ad una domanda che apparentemente sembrava innocua, “perché mi fai questa domanda? Non intendo risponderti!”, queste le parole di Josè Mourinho alla richiesta di saper gli indisponibili del match.

Potrebbe interessarti anche >>> Infortunio Pogba, rivelazione schock del medico: tifosi infuriati!

Questa sera infatti dalle prime indiscrezioni dovrebbero restare fuori non solo i soliti Zaniolo, Wijnaldum, El Shaarawy e Kumbulla attualmente infortunati, ma anche 2 senatori indiscussi della passata stagione complici di una prestazione orrenda nell’avvio di campionato, parliamo di Abraham e Karsdorp, giocatori che stasera sarebbero stati titolari utili ma non dopo la severa bocciatura celata dal tecnico.

Potrebbe interessarti anche >>> Francesco Totti, l’ultimo scoop è sconcertante: grande sorpresa per gli italiani

In aggiunta infatti è arrivato un’ulteriore sfogo da parte del mister, un iconico “chi non giocherà vuol dire che non è disponibile!”, la realtà dei fatti tuttavia è diversa e chiara a tutti, salvaguardare i giocatori dalle critiche della stampa ma allo stesso tempo dargli un chiaro segnale che racconta di come prestazioni come quella fatta a Udine non sono più minimamente tollerate.