Follia durante l’allenamento: calciatori presi a cinghiate dai propri tifosi

Una scena senza precedenti, assalto dei tifosi per i scarsi risultati in campionato che lascia i segni, pubblicate le foto dell’accaduto

Aggressione tifosi blooming
Campo da calcio (jarmoluk da Pixabay)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

E’ davvero difficile immaginare una scena del genere eppure è proprio quello che è successo alla formazione boliviana del Blooming, una serie di risultati negativi in campionato che non sono stati digeriti da una parte violenta di tifoseria che ha deciso di punire corporalmente i calciatori. Le immagini arrivate dopo l’assalto rendono davvero chiara l’efferatezza con la quale i tifosi abbiano deciso di agire, a rimediare il colpo peggiore è stato Fernando Arismendi che ha pubblicato tramite i suoi social i segni chiarissimi della violenza subita.

Follia in Bolivia, i tifosi prendono a cinghiate i giocatori, spari da bordo campo

Una giornata classica di allenamenti ha rischiato di finire in tragedia a causa del comportamento criminale di alcuni tifosi boliviani, l’intimidazione prima verbale è sfociata con un invasione di campo nel quale i giocatori prima sono stati accerchiati e poi percossi a colpi di cinghia.

Potrebbe interessarti anche >>> Caso Pogba, richiesto riscatto da 13 milioni di euro, incubo vissuto dal francese

In alcuni video pubblicati si può cogliere il clima da far west, bordo campo infatti sono stati fatti esplodere anche alcuni colpi di mitra, una vera e propria spedizione punitiva partita a causa dei scarsi risultati ottenuti in campionato dalla squadra che per alcuni sono frutto del poco impegno messo in campo.

Potrebbe interessarti anche >>> Lukaku Shock, niente derby, a rischio anche la partita contro il Bayern

Difficile credere che stiamo parlando di calcio moderno eppure è proprio cosi, oltre i filmati anche diverse testimonianze che ora sono al vaglio della polizia locale per tentare di arrivare agli autori del folle gesto durato quasi 5 minuti, attimi di terrore che speravamo proprio di non dover commentare.