Toronto, che mazzata per Lorenzo Insigne: arriva l’annuncio

Toronto, che mazzata per Lorenzo Insigne: arriva l’annuncio. Le parole del compagno nei confronti del neoarrivato. 

Insigne Toronto annuncio
Insigne Toronto (screen web)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Lorenzo Insigne ha deciso di lasciare Napoli per intraprendere un nuovo percorso calcistico, una nuova vita oltre oceano per scoprire il mondo da vicino ma sempre nella veste che ama di più, da calciatore. Il suo sbarco a Toronto, dunque in Canada, impone uno stile di vita completamente diverso per un giocatore abituato a vivere e giocare a Napoli, dunque passare dal caldo al freddo, dal sole ad un cielo più scuro e da ritmi decisamente diversi rispetto al sud Italia.

Ovviamente, questo comporta anche apprendere una nuova lingua che ad una certa età non è mai facile. Ed è proprio questo il punto della querelle tra lui e Bernardeschi. Anche l’ex juventino è sbarcato nella MLS e ha rilasciato delle dichiarazioni che possono far discutere. A ‘Sportweek’, infatti, Bernardeschi ha espresso un giudizio nei confronti di Insigne che non sembra aver gradito particolarmente…

LEGGI ANCHE >>> Cristiano Ronaldo Napoli, arriva l’annuncio in conferenza: tifosi a bocca aperta

Toronto, che mazzata per Lorenzo Insigne!

Lorenzo Insigne Toronto
Lorenzo Insigne (screen web)

“Con l’inglese Criscito è più avanti di tutti, ha già avuto esperienze all’estero e conosce già la lingua. Con Insigne, però, sono decisamente più avanti: alla presentazione ho scelto di parlare in inglese, un segno di rispetto verso chi ti accoglie” ha detto. L’ex juventino ha riferito queste parole ‘punzecchiando’ il napoletano, che per ovvi motivi si è presentato in conferenza con l’ausilio dell’interprete.

Questo avrebbe scatenato un piccolo malinteso tra i due che siamo sicuri hanno già risolto tra loro. Sta di fatto che questo tema è sempre stato particolarmente discusso, soprattutto tra alcuni componenti della nazionale che spesso sono stati presi in giro ‘per non sapere nemmeno l’italiano, figuriamoci una lingua straniera’. 

LEGGI ANCHE >>> Salta la prima panchina in Serie A, pronto al suo posto Roberto De Zerbi

Lo stesso Bernardeschi ha poi concluso l’intervista così: ”Paulo Sousa mi ha permesso di essere me stesso, Allegri è quello che mi ha fatto diventare un campione” ha concluso.