DAZN rischia grosso: pirateria in aumento, può essere la soluzione? Ecco perché

DAZN rischia grosso: pirateria in aumento, può essere la soluzione? Ecco perché. I problemi legati all’emittente streaming e la crescita del fenomeno illegale, paradossalmente, potrebbero ridimensionare i piani delle grandi aziende. 

Dazn microfoni
Dazn microfoni (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Il disservizio di DAZN tiene banco non solo tra gli utenti ma anche al ministero. Da 3 anni l’emittente streaming sta creando problemi ai clienti, che per le prime settimane devono sorbirsi i continui problemi tecnici che stanno diventando, purtroppo, la norma. Dopo le scuse ora è il turno degli indennizzi, anche se questa prova di ‘mea culpa’ non basta per placare l’ira degli utenti che dopo aver speso 30-40 euro al mese per abbonarsi vogliono giustamente un servizio degno di nota.

Come riporta ‘everyeye’, alcuni hanno pensato bene di disdire per tuffarsi a capofitto nello streaming illegale, meno costoso ma decisamente più affidabile rispetto a coloro che sono stati autorizzati a trasmettere in esclusiva i diritti della Serie A. Proprio le campagne anti pirateria lasciano il tempo che trovano se DAZN non è in grado di risolvere i soliti problemi che ormai da 3 anni assillano e disturbano gli utenti.

LEGGI ANCHE >>> Rimborsi DAZN: indennizzi agli utenti, come ottenerli

DAZN rischia grosso: soluzione inaspettata?

Dazn palinsesto
Dazn palinsesto (Ansa)

Paradossalmente, l’aumento della pirateria può essere la soluzione per ritornare all’antico: un solo abbonamento di un’unica emittente a prezzi ragionevoli. Il dilagare di questo fenomeno che prende sempre più corpo nelle case degli italiani, porterà ad una drastica soluzione da parte delle sedi competenti che saranno costretti a ritornare all’antico con un unico servizio esclusivo; com’è stato negli anni passati con Sky e Mediaset, i clienti hanno il diritto di scegliere e di affidarsi a coloro che reputano i migliori ma a prezzi congrui e alla portata di tutti.

Oggi siamo arrivati a dover sottoscrivere 3 abbonamenti per vedere 16 partite da una parte, 18 dall’altra e le restanti da una terza controparte, una follia assoluta che impone un’attenta valutazione da parte del cliente, decisamente restio a sottoscrivere due-tre abbonamenti per guardare uno spettacolo che, negli ultimi anni, lascia decisamente a desiderare per quanto riguarda la qualità (parliamo proprio della Serie A).

Reputiamo una follia pagare una stima di circa 50 Euro al mese per vedere la Serie A e le coppe europee spalmate tra Sky, DAZN e Amazon Prime; è pur vero che all’interno ci sono altri sport e i campionati stranieri, ma un utente può e deve scegliere ciò che più gli aggrada senza spendere una fortuna e senza farsi derubare, una conseguenza che in Italia va sempre più per la maggiore.

LEGGI ANCHE >>> Fifa 23, ritorna una big del campionato italiano: ufficiale la partnership

La chiosa finale è riassunta in maniera perfetta da Gigi Garanzini su La Stampa: “Ma sarà poi davvero la pirateria a uccidere il calcio, come da ieri l’altro DAZN si premura di informarci prima di ogni partita? O non saranno piuttosto i dilettanti allo sbaraglio, nella migliore delle ipotesi, che il calcio continuano a venderlo a DAZN?”