Rimborsi DAZN: indennizzi agli utenti, come ottenerli

Rimborsi DAZN: indennizzi agli utenti, come ottenerli. I clienti possono beneficiare della restituzione di parte dell’abbonamento mensile. 

Dazn come ottenere rimborsi
Dazn (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Il disservizio di DAZN continua a tenere banco non solo tra i clienti ma anche tra le alte sfere dei servizi di comunicazione e dei consumatori. Dopo 3 giorni di lamentele e denunce, l’azienda streaming sta cercando di correre ai ripari per cercare di limitare il più possibile i danni. Gli stessi problemi della rete ricadono ormai da troppi anni, con le partite interrotte e con una qualità del servizio decisamente rivedibile. Ora, come riporta ‘Eurosport’, su richiesta dell’Agcom si potranno ottenere dei rimborsi per cercare di accontentare i clienti, decisamente scontenti e stufi.

DAZN corrisponderà il 25% della quota d’abbonamento mensile, in maniera tale da venire incontro ai clienti che hanno dovuto guardare le partite a singhiozzo. A far luce su tutto è ‘il Sole 24 Ore’: “DAZN dovrà corrispondere un importo pari al 25% dell’abbonamento mensile dell’utente attraverso sconti o promozioni per un massimo pari al 100% dello stesso abbonamento mensile. L’utente non potrà ottenere più di un indennizzo a settimana” specifica il quotidiano.

LEGGI ANCHE >>> Fifa 23, uscito il trailer: svelate tutte le novità del gioco

Rimborsi DAZN, come ottenerli

Dazn come ottenere rimborsi
Dazn come ottenere rimborsi (screen Instagram)

In definitiva, secondo il quotidiano l’utente avrebbe dovuto compilare un modulo dove avrebbe dovuto accertare le problematiche esistenti e legate all’azienda di streaming, quindi procedendo con uno speed test della banda con l’allegata velocità – da allegare – e con le condizioni contrattuali sottoscritte con tutte le garanzie fornite.

LEGGI ANCHE >>> Fifa 23, ritorna una big del campionato italiano: ufficiale la partnership

Tuttavia, come riporta ‘Eurosport’, questa trafila non sembra obbligatoria perché l’azienda ha promesso di correre ai ripari totalmente con un rimborso automatico entro 7 giorni, nella speranza che sia solamente l’ultimo intoppo di una travagliata collaborazione che non accenna a migliorare.