La sindrome da ubriachezza secca: di cosa si tratta

La sindrome da ubriachezza secca è un problema che colpisce tutti coloro che hanno abbandonato l’alcol: vediamo di cosa si tratta.

Ubriachezza secca
Alcol (Pixabay)

Una persona che riesce finalmente ad abbandonare l’alcol può comunque continuare a mostrare i sintomi che sono soliti comparire nel corso della dipendenza dal bere e dagli alcolici. Questo problema si può definire come sindrome da ubriachezza secca. Un individuo che è riuscito ad allontanarsi dal bere può dunque mostrare gli stessi disturbi che lo attanagliavano prima di riuscire a smettere, e la spiegazione di ciò, per chiunque ne possa rimanere sorpreso, consiste proprio in questo. Vediamo maggiormente nello specifico di cosa si tratta.

Il problema della sindrome da ubriachezza secca

Ubriachezza secca
Alcol (Pixabay)

Chiunque riesca ad allontanarsi dalla dipendenza dall’alcol crede di aver risolto definitivamente il problema ma spesso, il più delle volte, è tutt’altro che così. Tra i sintomi principali della sindrome da ubriachezza secca vi è l’instabilità o immaturità emotiva, con la persona in questione che non si comporta in pratica come una persona della sua età dovrebbe invece fare. Con instabilità emotiva si fa però riferimento anche al fatto di trovare difficoltà nel saper gestire le proprie emozioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fare colazione prima della corsa: quattro utili consigli

Per poter superare il problema della sindrome da ubriachezza secca si possono però seguire diversi consigli. Il primo di questi è quello di cercare di concentrarsi il più possibile sul cambiamento, che può provenire il più delle volte dal modo di pensare. Il secondo consiste nell’accettare il fatto che per superare il problema ci vorrà inevitabilmente del tempo, evitando di creare nei confronti di sé stessi e degli altri delle false speranze e aspettative: qualsiasi progetto di cambiamento deve dunque essere necessariamente a medio o il più delle volte a lungo termine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cosa può succedere quando non si mangia per diverse ore

Un terzo e ultimo consiglio che conviene seguire è infine quello di chiedere se possibile l’aiuto di un professionista, una soluzione di fondamentale importanza per poter rendere il percorso di riabilitazione maggiormente efficace e per poter ricevere tutti gli strumenti necessari per uscire definitivamente dal problema.