Rest Pause, cos’è e come funziona: ecco a cosa serve

Rest Pause, cos’è e come funziona: ecco come fare per cercare di dimagrire e sviluppare forza e ipertrofia.

Palestra workout
Palestra (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Come riporta ‘gqitalia’, andiamo alla scoperta del rest pause, una tecnica di allenamento usata in palestra che riguarda il workout ad alta intensità. Questa pratica è sostanzialmente un interval training ripresa dall’atletica leggera, modificata per essere funzionale e performante per la pratica pesi. Queste particolari dinamiche sono state studiate dal prof. Antonio Paoli della Federazione italiana Fitness, che ha cercato di sviluppare un programma di lavoro idoneo per coloro che amano sviluppare i muscoli in palestra.

Questi studi, effettuati in diversi periodi, hanno definito che il rest pause aiuta a bruciare la massa grassa e a sviluppare la muscolatura. Un piano di allenamento era impostato secondo questi criteri: 6 ripetizioni da 6 secondi di pausa; 2/3 ripetizioni per 20 secondi di pausa; 2/3 ripetizioni e recupero di 2’:30”. L’allenamento tradizionale era costituito da 8 esercizi da svolgere in 4 serie; tra loro bisognava svolgere 8-12 ripetizioni con 1/2 minuti di pausa.

LEGGI ANCHE >>> Corsa in salita sul tapis roulant: perché è allenante, i consigli

Rest Pause, cos’è e come funziona

Palestra workout
Palestra circuito (Ansa)

Questi studi hanno dimostrato che questa dinamica di allenamento sviluppa i fosfati muscolari, ossia stimola il meccanismo anaerobico alattacido, producendo la molecola energetica necessaria (ATP) per svolgere l’attività muscolare. Difatti, il sistema anaerobico alattacido è utilizzato nelle attività molto intense e molto brevi, dunque quegli sforzi che durano pochi secondi ma di elevato dispendio energetico.

In sintesi, il rest pause è un workout molto intenso che fa dell’intensità (appunto) e delle ripetizioni (da svolgere il massimo possibile) il suo cardine principale. Gli studi hanno dimostrato che è efficace ma l’intensità dell’esercizio eseguito deve essere quasi massimale. Qualora l’atleta decida di svolgere più ripetizioni, deve allungare i tempi di recupero.

LEGGI ANCHE >>> Gambe e glutei, gli esercizi utili per allenarli al meglio

Ora non resta che provare e sperimentare di persona se realmente questa pratica fa effetto: il consiglio è sempre quello di sfruttare le conoscenze approfondite di un istruttore per valutare al meglio tutte le possibili varianti e il giusto piano di allenamento.