F1, retroscena GP Ungheria: l’imprevisto shock sulla Ferrari di Sainz

Incredibile retroscena sulla gara dell’Hungaroring che ha decretato il fallimento Ferrari, le immagini svelano un dettaglio incredibile

Incidente Ferrari
Qualifiche GP di Ungheria (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Un weekend di Formula 1 che resterà impresso sicuramente nella testa di molti, soprattutto i Ferraristi che credevano nella doppietta rossa per riprendere in mano un mondiale che invece ad oggi sembra del tutto fuori portata. Anche se il sesto posto di Leclerc fa discutere non è stato lui l’unico pilota Ferrari a subire gli avversari durante la gara, anche Carlos Sainz dopo una prima buona frazione non ha più trovato il giusto feeling con la vettura perdendo posizioni importanti, la causa adesso è venuta fuori grazie ad un dettaglio non indifferente che lo stesso pilota aveva subito notato.

Sainz penalizzato da un sacco dell’immondizia bloccato nell’impianto di aereazione della vettura

Incidente Ferrari
Team Ferrari (Foto Instagram)

Sembra incredibile ma le immagini hanno potuto confermare che nei bocchettoni dell’impianto di aereazione della sua auto vi era incastrata una grossa busta di plastica, l’impianto non solo serve al raffreddamento del motore ma contribuisce anche all’aereodinamicità della vettura.

Potrebbe interessarti anche >>> Formula 1, la reazione di Max Verstappen alla strategia disastrosa della Ferrari: che umiliazione! VIDEO

Proprio nella seconda parte di gara il pilota Ferrari ha perso il feeling rallentando sui tempi rispetto alla prima fase, ed è quello il momento in cui sulla sua vettura è comparso l’indesiderato ospite, non un caso quindi, ma l’ennesima sfortuna subita dalla casa di Maranello.

Potrebbe interessarti anche >>> Formula 1, Mattia Binotto shock: la confessione fa infuriare i tifosi

Con questo tipo di inconvenienti si può fare poco, per quanto riguarda la strategia di gara invece l’impressione è che si debba migliorare molto, ormai il mondiale è quasi impossibile da recuperare ma è importantissimo usare questo finale di stagione per migliorarsi in vista di un prossimo anno in cui la Ferrari può competere con le altre case costruttrici.