Sarri in crisi! Costretto a stoppare l’allenamento, cacciato un giocatore

La Lazio ha rinforzato la panchina con innesti giovani e di buoni prospetti ma non basteranno se cominciano a scricchiolare i big, Sarri disperato

Sarri allenamento
Maurizio Sarri (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Una situazione particolare quella in casa Lazio, il clima disteso delle amichevoli estive è venuto meno nell’ultima sessione di allenamento in cui la tensione ha raggiunto i massimi livelli, Maurizio Sarri disperato ad un certo punto si è trovato costretto a sospendere l’allenamento, difficile sicuramente lavorare al meglio soprattutto per uno dei membri della squadra che a questo punto è deciso ad andar via ad ogni costo, se scricchiolano i Big anche Sarri vacilla, la squadra che voleva è ancora lontana e uscite importanti potrebbero non garantire una stagione almeno al pari della precedente.

Sarri interrompe l’allenamento, tifosi riuniti fuori dagli spalti per incitare Acerbi a lasciare il club

Sarri Allenamento
Francesco Acerbi (Ansa)

Una situazione che non da tregua al difensore biancoceleste nemmeno nella tranquilla cittadina di Auronzo di Cadore dove in questo momento il giocatore è in ritiro con la squadra, a questo punto inevitabile prendere in fretta una posizione o il destino da separato in casa si fa sempre più probabile.

Potrebbe interessarti anche >>> Consolazione Inter, arriva la firma: 5 milioni a stagione, accordo trovato

Addirittura è dovuto intervenire Maurizio Sarri durante l’ultimo allenamento per intimare i tifosi a smettere di invitare il difensore ad andare via, impossibile lavorare in questo clima elettrico, per il tecnico inoltre Francesco Acerbi sarebbe anche una pedina importante in una Lazio che già ha le sue lacune nel reparto difensivo.

Potrebbe interessarti anche >>> La Roma punta in alto, altri due nomi folli sul taccuino di Pinto!

Difficile pensare che a questo punto possa ricucirsi lo strappo con la tifoseria ma le offerte ufficiali non sono ancora arrivate, per ora solo timidi interessamenti da Inter e Milan, situazione che non piace al tecnico che in questo momento ha bisogno di giocatori di esperienza da affiancare ai giovani acquisti.