Koulibaly, il no alla Juve ed al rinnovo nascondono una decisione già presa

Kalidou Koulibaly sta facendo impazzire De Laurentis, rifiutato il rinnovo e rifiutata la Juventus, c’è già l’accordo con la Premier League

Koulibaly
Luciano Spalletti (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

In casa Napoli non si dorme più, a tener sveglio Aurelio De Laurentis è la situazione legata proprio al suo attuale capitano, Kalidou Koulibaly è senza ombra di dubbio un perno fondamentale della squadra che a Napoli vorrebbero a tutti i costi mantenere, ci tiene Spalletti e ci tiene il presidente ma a quanto pare il giocatore ha già deciso il suo futuro anche se non lo ha dichiarato apertamente. A mali estremi bisognerà monetizzare il più possibile dalla cessione ma occhio al colpo gobbo che potrebbe vederlo partire gratis già a gennaio.

Koulibaly ha già l’accordo con il Chelsea, Ramadani tira i fili della trattativa

Koulibaly
kalidou Koulibaly (Ansa)

Non c’è solo il rispetto per la sua attuale squadra dietro il no alla Juventus di Kalidou Koulibaly, fosse stato cosi il rinnovo a 6 milioni di euro per 5 anni proposto dalla sua attuale dirigenza sarebbe stato accettato senza battere ciglio, cosi invece non è stato e le indiscrezioni arrivate da Londra non fanno ben pensare.

Potrebbe interessarti anche >>> Dybala saluta la Serie A, l’argentino dovrà considerare le offerte dalla Spagna

Troppi no messi in fila in pochi giorni, l’ombra del Chelsea che si fa prepotente con Fali Ramadani che con i Blues è vicino non solo geograficamente, l’impressione è che possa esserci già un accordo di massima che porterebbe il senegalese magari fra soli 6 mesi a Londra lasciando il Napoli con un pugno di mosche.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Roma, Idea Dembelé, costa meno di Guedes!

In caso di partenza a gennaio infatti, con solo pochi mesi ancora di contratto il giocatore potrebbe lasciare a una cifra irrisoria oppure rimandare tutto a giugno, la situazione tuttavia non dispiacerebbe a Luciano Spalletti che per il suo secondo anno a Napoli non immagina una cavalcata migliore di quella fatta in questa stagione senza il suo pezzo da 90 ad alzare muri in difesa.