Sostituto Mancini Italia, clamorosa candidatura: c’è la firma, è ufficiale

Sostituto Mancini Italia, clamorosa candidatura: c’è la firma, è ufficiale. Ecco che cosa è successo in questi minuti. 

Roberto Mancini sostituto CT
Roberto Mancini (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

L’eliminazione da parte della Macedonia, avvenuta in maniera clamorosa, brucia ancora per quanto riguarda il calcio italiano. La mancata partecipazione al prossimo mondiale, la seconda di fila, pesa come un macigno agli occhi della gente e della Federazione, che dopo la vittoria dell’Europeo sembrava aver ripreso quel percorso che negli anni ha portato enormi risultati in giro per il mondo.

Mancini non ha voluto dimettersi e ha rilanciato le proprie ambizioni, convinto che non fallirà la qualificazione al prossimo Europeo e al prossimo mondiale, in programma nel 2026. Tuttavia, recentissimi eventi potrebbero far riconsiderare programmi e candidature in panchina, visto che la posizione del CT non è più solidissima.

LEGGI ANCHE >>> Icardi Napoli, ora si può: tutto sull’argentino con l’addio di Osimhen

Sostituto Mancini Italia, clamorosa candidatura

Roberto De Zerbi rescissione
Roberto De Zerbi (Ansa)

Una notizia dell’ultim’ora potrebbe portare a clamorose decisioni in futuro: Roberto De Zerbi non è più l’allenatore dello Shakhtar Donetsk. Il tecnico e la società hanno deciso di separarsi dopo un solo anno dopo le recenti vicissitudini causate dalla guerra in Ucraina. Con un comunicato emesso solo pochi minuti fa, le parti hanno deciso di separarsi consensualmente.

Il tecnico, che era legato agli ucraini sino al 2023, è ora libero di accasarsi altrove, in Italia e all’estero. Se in Serie A le panchine sono ormai tutte blindate, potrebbe esserci spazio per la clamorosa candidatura per la panchina della Nazionale: non è escluso che Mancini possa andare via e come riporta ‘Calciomercato.it’ esiste la concreta possibilità che De Zerbi possa risultare un nome appetibile, essendo particolarmente sponsorizzato dai piani alti della FIGC.