Europei di scherma: argento per la sciabolatrice salernitana

Scherma, la terza giornata di gara ai Campionati Europei di Antalya (Turchia) ha visto come protagoniste le migliori sciabolatrici d’Europa.

Europei scherma argento salernitana
Rossella Gregorio (Foto IG)

Il quartetto scelto, dal CT livornese Nicola Zanotti, è stato composto dalla padovana, ma di casa a Napoli, Eloisa Passaro (Fiamme Oro), dalla veneta, ma di casa a Foggia, Michela Battiston (Aereonautica), dalla foggiana Martina Criscio (Fiamme Oro) e dalla salernitana, ma di casa a Roma, Rossella Gregorio (Carabinieri).

 Europei di scherma, Rossella Gregorio sfiora la vittoria

Europei scherma argento salernitana
Podio Campionati Europei (Foto IG)

 

Anna Bashta, russa naturalizzata azera, rispetta i pronostici e si laurea neo Campionessa d’Europa ma, alle sue spalle, c’è la salernitana, in forza al Gruppo Sportivo dei Carabinieri ed allenata dal Maestro Cristiano Imparato, Rossella Gregorio.

Che la salernitana fosse tra le favorite era cosa nota. Un po’ per il suo palmares un po’ perché la sua condizione fisica, dopo alcuni fastidiosi acciacchi, era in crescita vista, anche, la performance che l’ha portata fino alle top 8 nell’ultima gara di coppa del mondo a Padova, circa un mese fa. Senza citare, si fa per dire, i due terzi posti nelle tappe di Tblisi e Plovdiv.

A dimostrazione della crescita fisica, ma anche mentale, dell’allieva di Imparato, ci ha pensato la pedana, o meglio il tabellone di eliminazione diretta che ha riservato alla Gregorio avversarie tutt’altro che facili. Prima la spagnola Perez Cuenca, poi l’ungherese Liza Pusztai, successivamente la francese Caroline Queroli e dopo l’altra francese Sara Balzer.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Europei di scherma: dominio azzurro nella gara di fioretto femminile

Avversarie complicate a cui la salernitana è riuscita a tenere testa conquistandosi un meraviglioso argento e raggiungendo, quindi, il quarto podio europeo in carriera: argento a Tbilisi nel 2017 e bronzo a Strasburgo nel 2014 e a Montreaux nel 2015.

Le altre italiane hanno concluso anzitempo la loro gara. Martina Criscio, allenata al Dauno Foggia dal Maestro Buenza, ha chiuso 14esima, sconfitta per mano dalla tedesca Larissa Eifler 15-11. Michela Battiston, anche lei di casa al Dauno Foggia, ed anche lei allenata dal Maestro Buenza, ha terminato la sua gara nelle top32 perdendo con l’azera Sabina Karimova 15-12. Anche Eloisa Passaro si è fermata nelle top 32 perdendo dalla forte greca Despina Georgiadou 15-6.

A fine gara la Gregorio ha evidenziato le difficoltà fisiche che ha affrontato nell’ultimo periodo che, quindi, rendono il sapore della medaglia ancora più gustoso.