Italia al Mondiale, il ripescaggio si fa concreto, venerdì la decisione della FIFA

Il ripescaggio degli azzurri diventa una possibilità concreta con la quasi certa squalifica dell’Ecuador, la decisione sarà presa a breve

Mondiale Italia
Roberto Mancini e Gianluca Vialli (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Una delle vicende che sta tenendo banco riguardo il prossimo mondiale è la decisione sulla squalifica dell’Ecuador, le notizie arrivate dal Sudamerica infatti parlano di illecito verificato, nel particolare sarebbe stato appurato che, il giocatore schierato dalla nazionale Byron Castillo, non sarebbe di nazionalità ecuadoriana bensì di nazionalità Colombiana. Appurato questo la decisione della FIFA di sanzionare l’Ecuador con l’esclusione dal mondiale non è più una suggestione.

Italia ripescata al mondiale, con la squalifica dell’Ecuador la decisione sarebbe della FIFA

Mondiale Italia
Byron Castillo (Ansa)

Il regolamento parla chiaro, in caso di esclusione dal mondiale di una nazione sarà la FIFA a decidere su quale nazione dovrà andare in sostituzione, in questo caso i motivi per portare al ripescaggio dell’Italia non mancherebbero, sia perché gli azzurri hanno già saltato un mondiale, sia perché sono la squadra vincitrice dell’ultimo europeo, ma soprattutto perché l’Italia è la squadra esclusa con il maggior Ranking.

Potrebbe interessarti anche >>> Cambia la Serie A, La FIGC è pronta a ufficializzare le nuove regole

La decisione quindi è presa? A quanto pare no, dal nuovo mondo sembrano certi che con la squalifica dell’Ecuador sarà il Cile ad essere ripescato, anche li le motivazioni non mancherebbero, infatti sono loro la nazione che è stata penalizzata direttamente avendo giocato contro la squadra commettente l’illecito, inoltre i posti per l’Europa sono tutti occupati ed in caso di esclusione in Sudamerica probabilmente il rimpiazzo sarà comunque una squadra Sudamericana.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Roma: doccia gelata, l’obiettivo di Pinto ha detto no

Presto ne sapremo qualcosa in più, ma è bene è non farci la bocca, le possibilità che nei prossimi giorni avremo una gradita sorpresa sono da considerarsi basse, comunque le ultime parole spettano alla FIFA e non possiamo che attendere quale sarà l’esito della decisione.