Inter: E’ rottura con Perisic, Antonio Conte lo porterà dalla sua parte

I rapporti tra l’Inter e Ivan Perisic si sono deteriorati a causa del rinnovo che non è arrivato subito, adesso sarà il croato a dire di no

Ivan Perisic
Ivan Perisic (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La stagione di Ivan Perisic appena passata a Milano è stata sicuramente degna di nota e avrebbe magari voluto che la società se ne fosse accorta prima, invece per quanto riguarda il rinnovo vi è stato un susseguirsi di indugi che non è piaciuto al croato e che adesso sembra aver definitivamente portato ad una rottura che lo vedrà vestire la maglia del Tottenham alla guida del suo ex allenatore Antonio Conte.

Perisic-Tottenham: Accordo trovato, Antonio Conte lo scippa alla sua ex squadra

Ivan Perisic
Ivan Perisic (Ansa)

Alla fine l’Inter si era convinta ma a quanto pare troppo tardi, non è servito infatti l’ultimo affondo per tentare di convincere Ivan Perisic a continuare con loro, ormai tra le parti si era già inserito Antonio Conte che ha lusingato il croato con la sua ammirazione ed il fascino della Premier League che il ragazzo da molto avrebbe voluto vivere da vicino.

Potrebbe interessarti anche >>> Il Verona saluta Tudor, incongruenze con la società alla base del divorzio

Accordo trovato con il Tottenham, per Ivan Perisic è pronto un contratto da 6 milioni di euro a stagione, l’ultima offerta dell’Inter invece era stata fatta intorno ai 5 milioni. Sarà una grossa perdita per Simone Inzaghi che con il talento del croato aveva trovato il feeling giusto, adesso è caccia al sostituto di egual valore che tuttavia non è sicuramente facile da trovare.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Roma, sul profilo ufficiale spunta l’indizio su Dybala! VIDEO

Per il futuro dell’Inter bisogna investire per completare una squadra che di base si è mostrata già molto forte e che ha perso lo scudetto solo per qualche leggerezza nel finale, forse colpa anche dello stesso giovane allenatore, adesso però si punta a far meglio nell’Europa che conta e per competere a quei livelli bisognerà sicuramente fare uno sforzo in più, sempre con occhio attento ai bilanci che in parte mettono un freno alla società in questo ultimo periodo.