Corsa sulla spiaggia, pro e contro: tutti i consigli utili

Corsa sulla spiaggia, pro e contro: tutti i consigli utili per evitare il rischio infortuni. Benefici e rischi: tutto ciò che serve sapere per svolgere senza pensieri questa pratica particolarmente allenante. 

Corsa spiaggia
Corsa spiaggia (Pixabay)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La corsa sulla spiaggia è sicuramente uno degli argomenti più dibattuti tra i fautori del fitness. Fa bene o il rischio infortuni è alto? E soprattutto, meglio correre con le scarpe o senza? L’argomento è piuttosto vaso e variegato, per questo serve particolare attenzione e soprattutto sapere a che cosa si va incontro.

Innanzitutto, possiamo affermare con certezza che la pratica è estremamente allenante e tonificante, ma devono essere presi degli accorgimenti per svolgerla nella maniera corretta. La prima cosa da sapere è che la corsa sulla spiaggia – come i lavori in generale sulla sabbia – sono spesso utilizzati per il recupero dagli infortuni, ma l’esercizio stesso stressa particolarmente le articolazioni della caviglia e del ginocchio, dunque bisogna essere consapevoli che il lavoro da svolgere comporta la massima cautela.

Correre sulla sabbia non è la stessa cosa su qualsiasi altra superficie: la corsa non può essere rettilinea e la stessa porta ad affondare i piedi, rendendo decisamente più pesante e anche pericolosa la pratica. L’ideale sarebbe correre sul bagnasciuga per svolgere allunghi in linea retta facendo lavorare i muscoli per potenziare al meglio l’esplosività.

Oltre alla forza esplosiva, correre a lungo sulla spiaggia comporta un aumento della resistenza, dunque si consuma maggiore energia e ciò crea un effetto benefico anche nel bruciare i grassi, sicuramente uno dei motivi per cui uno sportivo dilettante deciderà di intraprendere questo tipo di percorso.

LEGGI ANCHE >>> Lo stretching finalizzato alla flessibilità: gli esercizi più utili

Corsa sulla spiaggia, pro e contro: tutti i consigli utili

Corsa spiaggia
Corsa spiaggia (Pixabay)

Farlo con le scarpe o senza è una scelta che deve prendere lo sportivo in questione: con le scarpe ci si assicura una maggiore protezione al piede tra sassi, alghe e tutto ciò che si ritrova nelle spiagge; tuttavia, a piedi nudi c’è comunque la possibilità di far lavorare di più i muscoli dei piedi e del polpaccio.

Attenzione, però, a non esagerare: lo sforzo prolungato può comunque portare ad un rischio infortunio più o meno grave. Per questo è consigliato lavorarci per un tempo ridotto, almeno per quanto riguarda le prime volte: abituarsi a questo tipo di terreno è difficoltoso, dunque bisogna cercare di abituarsi per aumentare i carichi e il tempo da dedicargli successivamente.

Stretching e riscaldamento sono obbligatori prima di correre sulla sabbia: meglio effettuarli su un terreno piano prima di iniziare a lavorare a contatto con il mare.

Inoltre, la corsa sulla sabbia ci aiuterà a migliorare la nostra capacità di propriocezione, ossia il senso di posizione e di movimento degli arti del nostro corpo senza l’ausilio della vista. In questa maniera svilupperemo meglio i muscoli e riusciremo ad avere una postura adeguata.

Non dimentichiamo ovviamente il piacere di correre vicino al mare e all’aria pulita, fattore assolutamente non secondario perché aiuta anche a regolare l’umore. Tuttavia, come abbiamo accennato poc’anzi, una pratica non corretta o all’eccesso può portare ad infortuni particolarmente gravi: tra questi c’è il tendine d’Achille, oltre ai legamenti delle caviglie e del ginocchio, senza scordare le tendiniti, fastidiose infiammazioni ai tendini.

LEGGI ANCHE >>> Allenamento brucia grassi, il ‘metodo Tabata’: cos’è e come si svolge