Esonero Spalletti, De Laurentiis ha deciso: due sostituti in pole, clamoroso epilogo

Esonero Spalletti, De Laurentiis ha deciso: due sostituti in pole, clamoroso epilogo. Il Napoli è pronto a cambiare dopo un solo anno. 

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Esonero Spalletti Luciano Spalletti
Luciano Spalletti (Ansa)

Dopo la clamorosa sconfitta contro l’Empoli, il Napoli si lecca le ferite e si interroga sugli errori compiuti per aver sciupato la clamorosa occasione scudetto. Mai come quest’anno il Napoli poteva ambire al titolo, una corsa interrotta sul più bello tra errori e punti persi in maniera rocambolesca.

La sconfitta contro i toscani, che non vincevano da 16 turni, è l’emblema della mancata maturità della squadra di Spalletti. Lo stesso aveva dichiarato in conferenza che se la squadra è su questo livello, la colpa era da ricercare nella sua figura per non esser stato bravo a trasmettere determinate dinamiche ai suoi giocatori. Una verità da contestualizzare, visto che la squadra aveva dominato l’avversario sino all’80’, quando Henderson ha dato il là alla clamorosa rimonta.

LEGGI ANCHE >>> Esonero Spalletti, l’annuncio in conferenza: ”Chiedete a De Laurentiis”

Le colpe, semmai, sono da ricercare in una serie di fattori che si sono succeduti durante l’anno: la mancanza di vere alternative e il mancato mercato che alla lunga ha influito, senza dimenticare la flessione di alcuni giocatori chiave (Zielinski su tutti) che ha avuto il suo peso sul percorso in campionato.

LEGGI ANCHE >>> Clamorosa lite in Serie A: rissa sfiorata al fischio finale

Esonero Spalletti, due sostituti in pole

Esonero Spalletti Luciano Spalletti
Luciano Spalletti (Ansa)

La prima decisione drastica è già stata presa: da martedì tutti in ritiro, una sorta di chiusura all’esterno per fare quadrato e capire come mai si è arrivato a questo punto. Forse un punto di non ritorno, visto che già aleggiano le voci sul possibile sostituto riportate da ‘il Corriere dello Sport’.

LEGGI ANCHE >>> Furiosa lite Acerbi-Marusic: il difensore nella bufera, cos’è successo

Il quotidiano rivela che in pole ci sono Vincenzo Italiano e Roberto De Zerbi. I due tecnici italiani sono i preferiti per diversi motivi: carisma, idee, gioco e innovazione, due profili che nelle loro esperienze hanno impressionato gli addetti ai lavori. Tuttavia, appare strano e insensato cambiare ora visto che Spalletti, dal suo arrivo, ha dato un’impronta forte e decisa e ha svolto un grande lavoro; che senso avrebbe cambiare ora anche se lo scudetto è sfumato per colpe unicamente del Napoli?

LEGGI ANCHE >>> Clamoroso Mazzarri: furia e abbandono post intervista