Conte in bilico, oggi in Premier ci si gioca la Champions!

Il futuro di Antonio Conte non è scritto, il Tottenham è sull’orlo del precipizio, oggi ci si gioca un pezzo di Champions League

Conte Tottenham
Antonio Conte (Ansa)

Le sorti di Antonio Conte nel Tottenham sono da un po’ messe in discussione, la stagione non è delle migliori e da uno come lui ci si aspetta sempre di avere riscontri maggiori, si perché è lui il primo a mettere pressione nelle società in cui sbarca richiedendo quasi sempre che gli vengano concessi i giocatori migliori, poi però il riscontro sul campo deve essere immediato oppure il meccanismo smette di girare, cosi come è stato per l’Inter adesso potrebbe essere al Tottenham soprattutto in caso di mancata partecipazione in Champions League.

Conte sull’orlo del precipizio, giornata cruciale in Premier League

Conte Tottenham
Tottenham Hotspur stadium (Ansa)

Antonio Conte oggi sarà impegnato in una partita a prima vista semplice ma che va portata a casa ad ogni costo, l’ultimo passaggio a vuoto contro il Brighton è costato caro alla squadra che adesso si trova a pari punti con l’Arsenal e con il quarto posto molto a rischio.

Potrebbe interessarti anche >>> Inter-Roma il Big match del giorno, Mourinho in religioso silenzio preparerà la sorpresa?

La giornata è quella adatta per prendere qualche punto, soprattutto perché i suoi diretti avversari dell’Arsenal dovranno vedersela con il Manchester United, se però il Tottenham sta avendo qualche difficoltà i Gunners vengono invece da una vittoria importante contro il Chelsea e sulle ali dell’entusiasmo potrebbero bissare in casa.

Potrebbe interessarti anche >>> Mertens chiuderà a Napoli, fissata data per il prolungamento

Il futuro del tecnico sulla panchina ad oggi sembra non essere più certo e l’impressione è che dipenderà anche molto dalla qualificazione in Champions League, occhi puntati quindi anche sulla Premier, al momento dietro si spinge forte e davanti non ci si può distrarre, un’ulteriore passo falso per Antonio Conte potrebbe essere quello di troppo sia per lui che per il suo Tottenham.