Terzo giorno per l’Augusta Master di golf, giro decisivo

Il torneo di apertura della stagione di Golf è alla terza giornata, non bene gli italiani 19° posto per Tiger Woods

Augusta Masters
Tiger Woods (Ansa)

Nel gergo comune questo terzo giorno del torneo di Golf che apre la stagione è chiamato “Moving Day”, a sottolineare come sia questo il giorno della competizione in cui in qualche modo tutto può succedere, diversi i colpi di scena nel torneo caratterizzato nelle prime giornate dalle forti raffiche di vento laterale che hanno messo in difficoltà e non poco gli atleti in gara. Per il momento inarrivabile il campione del mondo Scottie Scheffler e gli italiani Molinari e Migliozzi non sono stati in grado di competere e non parteciperanno nel weekend di chiusura, male anche Tiger Woods, attesissimo il suo ritorno sui campi dopo l’incidente che lo ha visto coinvolto ma per lui andamento altalenante e due gravi errori che gli sono costati la possibilità di chiudere sotto il par.

Male Molinari e Migliozzi, all’Augusta Master domina ancora Scottie Scheffler

Augusta Masters
Francesco Molinari (Ansa)

L’edizione di quest’anno del prestigioso torneo che apre la stagione del Golf è caratterizzata dal forte vento a raffiche che sta creando molte difficoltà, sicuramente maggiormente penalizzati gli atleti che hanno cominciato più tardi come i nostri nazionali che sono già fuori dal torneo e l’americano Tiger Woods che invece tra alti e bassi resta ancora in gara.

Potrebbe interessarti anche >>> Tiger Woods di nuovo in campo per il The Masters

l’americano nell’intervista rilasciata ha dichiarato: “Molte cose non sono andate come volevo, il vento sicuramente mi ha reso la situazione ancora più difficile, mi sono un po’ perso ma adesso anche se è dura sento di essere ancora in lotta, Scottie Scheffler sta facendo il vuoto sarà certamente un finale emozionante.

Potrebbe interessarti anche >>> Ferrari ancora avanti, Leclerc in Pole al GP d’Australia

Tante emozioni sicuramente e tanti colpi di scena, è arrivato infatti il bellissimo “All in One” di Stewart Cink, il campione fa buca al primo colpo, un evento piuttosto raro, solo 28 volte da quando si gioca la competizione. Non altrettanto fortunato invece Swafford che colpendo la pallina rompe la testa del bastone.

Le emozioni non mancheranno e gli appassionati dello sport potranno godersi nel Weekend un finale di torneo ancora tutto da scrivere e che promette di regalare ancora tanti colpi di scena.