Doppio ingaggio in attacco, il Milan chiude: offerta e accordo ad un passo

Doppio ingaggio in attacco, offerta e accordo ad un passo: il Milan chiude il doppio colpo in avanti per la prossima stagione. 

Doppio ingaggio Milan Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (Ansa)

Il Milan ha intenzione di puntare ancora su Ibrahimovic per la prossima stagione. I rumors riferiscono che Zlatan non ha nessuna intenzione di mollare e vuole provarci ancora una volta per presentarsi nelle migliori condizioni possibili in Italia e soprattutto in Champions. A quasi 40 anni, lo svedese vuole chiudere con l’ennesimo trofeo in bacheca con il Milan, club che non vince ormai da troppo tempo.

Secondo il ‘Corriere della Sera’, il Milan gli ha offerto 2,5 milioni su base fissa più bonus, un riconoscimento importante per un giocatore che, nonostante l’età, è ancora sinonimo di garanzie e vittorie. Il bomber deve ancora prendere una decisione ufficiale ma si va verso il si, condizionato ovviamente da tante altre operazioni in entrata in quel ruolo.

LEGGI ANCHE >>> 100 milioni per il mercato: Maldini vola all’estero, tutti gli obiettivi

Doppio ingaggio in attacco, offerta e accordo ad un passo

Doppio ingaggio Milan
Milan esultanza (Ansa)

Se rimarrà, Ibrahimovic continuerà ad essere un punto di forza dell’attacco, anche se molte partite saranno divise tra Giroud e il nuovo centravanti che arriverà in estate. I profili sono 3: al momento in pole sembra esserci Origi del Liverpool, in scadenza e pronto a vestire il rossonero. Per una questione tecnica ed economica, è il profilo migliore. A pari passo, o quasi, ecco Belotti del Torino, anche lui a costo zero e pronto a vestire il rossonero per compiere il salto di qualità.

Il nome che stuzzica di più è quello di Luka Jovic del Real Madrid, chiuso e desideroso di giocare con continuità. Dai tempi dell’Eintracht è stato accostato fortemente alla Serie A ma l’opzione non è mai andata in porto. Secondo il ‘Mundo Deportivo’, in estate Perez vuole venderlo a titolo definitivo ma in questo momento i club inglesi sembrano avanti nelle preferenze del giocatore.