Omicidio Aramburu, 24enne tenuta in custodia dalla polizia Francese

Una donna è stata presa in custodia da Sabato, accusata di essere complice nell’omicidio dell’ex campione di rugby Federico Martin Aramburu

Omicidio Aramburu
Commemorazione Aramburu al 6 nazioni di Rugby (Ansa)

E’ di pochi giorni fa la notizia del brutale assassinio di Federico Martin Aramburu, una donna, come scrivono i giornali Francesi, è stata quasi subito presa in custodia dalla polizia e sarebbe ancora sotto sorveglianza, si cercano altri due individui sospettati di aver partecipato all’omicidio.

Omicidio Aramburu, donna 24 enne è tenuta in custodia dalla polizia Francese

Omicidio Aramburu
Federico Martin Aramburu (Foto Instagram)

Solo due giorni fa la notizia che ha sconvolto tutti, dalla Francia abbiamo appreso della morte dell’ex campione di Rugby Federico Martin Aramburu, gli appassionati dello sport lo conosceranno sicuramente, il 42enne era a Parigi per seguire la partita tra Francia ed Inghilterra del torneo 6 nazioni.

Potrebbe interessarti anche >>> Mondiali in Qatar, niente playoff, la Fifa decide per la qualificazione diretta

Il tutto sarebbe avvenuto per motivi futili, in un bar Di Marbillon, un quartiere apparentemente tranquillo nel nord della Francia, intorno alle 6 di mattina di Sabato, Aramburu ed un suo amico sono intervenuti per sedare una rissa avvenuta tra due gruppi dopo la mancata concessione alla richiesta di una sigaretta, gli animi si sarebbero accesi a tal punto da rendere necessario l’intervento del buttafuori, proprio all’esterno del locale purtroppo è avvenuta la tragedia, si sono uditi degli spari e il campione è crollato a terra esanime.

Potrebbe interessarti anche >>> Rugby, Sei Nazioni: Italia travolta dall’Irlanda

Sarebbero stati sparati 3 colpi di arma da fuoco dall’interno di un veicolo all’ex campione, per lui non c’è stato nulla da fare, la morte è avvenuta all’istante a causa delle gravi ferite riportate.

Come scrive il giornale l’Equipe, la donna 24 enne fermata dalla polizia a quanto pare era alla guida dell’auto dalla quale sono partiti i 3 colpi, le indagini sono nelle mani della brigata anticrimine francese, ancora ricercati gli altri due attivisti di estrema destra passeggeri al fianco della donna, sarebbero stati loro i fautori dell’omicidio.