Rottura Dybala-Juventus, clamorosa decisione: tifosi sotto shock

Rottura Dybala-Juventus, siamo all’epilogo: i bianconeri non vogliono trattare con l’agente. Ecco che cosa sta succedendo. 

Rottura Dybala-Juventus Paulo Dybala
Paulo Dybala (Ansa)

Potrebbe finire davvero male la storia tra Dybala e la Juventus. Come riferisce ‘Sportmediaset’, la trattativa per il rinnovo procede spedita verso una conclusione amara per entrambe le parti. In scadenza a giugno, la dirigenza bianconera avrebbe deciso di non trattare il prolungamento con Jorge Antun. Motivazione? L’intermediario non avrebbe i requisiti per poter condurre la trattativa. Il summit previsto a fine mese, dunque, potrebbe slittare ancora una volta.

Questo complica ulteriormente i piani del giocatore e della società stessa, che sembra voler puntare su un braccio di ferro che potrebbe portare ad una rottura sempre più vicina. Si attende la reazione di Dybala, già tentennante in vista di una conferma che settimana dopo settimana sembra passare in sordina.

Potrebbe interessarti anche >>> Juventus, dopo l’uscita dalla Champions la società pensa al sostituto di Massimiliano Allegri

Rottura Dybala-Juventus, decisione shock

Rottura Dybala-Juventus Paulo Dybala
Paulo Dybala (Ansa)

Tuttavia, la decisione presa dalla Juventus sembra abbastanza chiara: lo ha annunciato Maurizio Arrivabene al ‘Corriere dello Sport’, specificando la presa di posizione del club bianconero: “Il nostro è un piano triennale che deve rispettare l’aspetto finanziario e cercare di fare il massimo sotto l’aspetto sportivo. Ad ottobre abbiamo proposto un accordo da 8 milione di parte fissa più due di bonus, l’aumento di capitale ci ha obbligati a rivedere alcune cose e ci siamo soffermati su quattro parametri che devono essere rispettati: aspetto tecnico, numero delle presenze effettive, durata del contratto e valore economico del calciatore”.

“Abbiamo rimandato l’incontro perché ce lo aveva chiesto Allegri. Siamo arrivati a questo punto anche perché il 17 dicembre ho detto all’agente di Dybala che lui doveva sentirsi libero. Perché ho detto questo? In quel momento non potevo chiudere l’operazione, noi siamo stati onesti con lui perché non potevamo fare altrimenti. Ora dipende solo da lui” ha concluso.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, che colpo: arriva l’uomo che ha costruito il miracolo Atalanta