Home MotoGP MotoGP, Valentino Rossi: “Momento difficile, Yamaha soffre in rettilineo”

MotoGP, Valentino Rossi: “Momento difficile, Yamaha soffre in rettilineo”

CONDIVIDI

valentino rossi motogp

MotoGP, Catalunya 2019: le sensazioni di Valentino Rossi per il weekend.

Dopo il difficile Gran Premio d’Italia, anche il weekend in Spagna rischia di essere complicato per Valentino Rossi. Al Mugello è stato un autentico disastro, tra pessime qualifiche e ritiro in gara. A Montmelò dovrebbe andare meglio come epilogo finale, ma il risultato potrebbe comunque non soddisfare il Dottore.

Un anno fa il nove volte campione del mondo chiuse terzo il GP di Catalunya, appuntamento nel quale storicamente è andato abbastanza bene. Il suo peggior risultato in MotoGP è l’ottavo posto del 2017, mentre l’ultimo successo è del 2016 dopo una bella battaglia con Marc Marquez. In totale sono sette i trionfi lì per il 40enne pilota della Yamaha, che spera di poter vivere in buon weekend.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport >> CLICCA QUI.

MotoGP, Catalunya 2019: Valentino Rossi si prepara alla sfida

Valentino Rossi è consapevole che il fine settimana di Montmelò potrebbe essere complicato, però auspica comunque di riuscire a conquistare un buon risultato: «Amo da sempre questa pista, fin dagli inizi della mia carriera. Si tratta di uno dei gran premi più belli della stagione, però il nostro è un momento difficile. Arriviamo qui dopo il weekend negativo del Mugello e dobbiamo restare concentrati per fare comunque il massimo».

Come già evidenziato in altri circuiti, la Yamaha ha problemi nei rettilinei dato che non riesce a raggiungere velocità di punta competitive rispetto a Ducati e Honda. Inoltre il Dottore deve cercare di non fallire nelle qualifiche: «Sarà importante stare nei 10 in qualifica – spiega -, ma temo che sarà complicato considerando le nostre recenti performance – dice Valentino -. Da parte nostra cercheremo di fare un migliore time attack, ma soffriamo in rettilineo e qui è molto lungo. Vediamo come va già dal primo approccio alla pista e poi capiremo meglio». Domani i primi turni di prove libere, vedremo quali saranno i valori sulla pista catalana.

 

Matteo Bellan