Home Calcio Gasperini: “Partita alla portata. Futuro? Parlerò con Percassi”. Gomez: “Senza il mister...

Gasperini: “Partita alla portata. Futuro? Parlerò con Percassi”. Gomez: “Senza il mister non saremmo qui”. VIDEO

CONDIVIDI
Gasperini Atalanta
Le parole di Gasperini

Gian Piero Gasperini e il Papu Gomez in conferenza stampa alla vigilia della finale di Coppa Italia. Simone Inzaghi ha già risposto alle domande dei giornalisti poco fa.  Ecco il pensiero del tecnico dei bergamaschi e dell’attaccante argentino.

19.31Gasperini: “Domani ci saranno tantissime persone da Bergamo. Mi auguro che non ci sia nessun episodio che possa rovinare una festa così bella, così importante. Anche la passione”.

19.30Gomez: “Sono qui da cinque anni, non so se posso considerarmi una bandiera come De Rossi. So di essere importanti per la squadra, in campo e fuor, e anche per la società. In questi anni siamo cresciuti tutti insieme. Questo mi rende orgoglioso e sono contento di aver raggiunto tanti bei obiettivi in questi anni. Portare gioia e allegri al nostro popolo ci rende molto felici”.

19.28Gasperini: “Mi hanno accostato a tantissime squadre. Inter, Atalanta, Roma e Milan hanno così tanti pochi punti di differenza che in due partite può succedere di tutte. In questo momento tutte quante stanno facendo un piano a, un piano b e un piano c. Ma sono tutte impegnate a vedere cosa succederà nelle partite. E questo vale per tutte. Il futuro è la Coppa, poi la Juventus, poi la prossima partita. Solo alla fine si faranno programmi. Io ho un contratto con la mia società, la prima persona con cui affronterò l’argomento è il presidente Percassi”.

19.26Gomez: “Interesse della Lazio? So che c’è stato in passato, ma ho sempre detto di voler rimanere a Bergamo. Posizione? Sono nato trequartista, anche nel settore giovanile. Poi il calcio è cambiato a livello di moduli e ho giocato in diverse posizioni. Quest’anno senza Cristante non c’era nessuno che giocasse lì, ho provato ed è andata benissimo. Io pian piano ho preso gusto, mi è piaciuta”.

19.25Gasperini: “Coppa Italia o Champions? Siamo lì vicino a tutto, quindi non possiamo fare la scelta. Adesso siamo concentrati sulla coppa di domani, poi da mercoledì o giovedì pensiamo al campionato”.

19.23Gomez: “Se vinciamo balliamo… (ride, ndr). Non sentiamo pressione noi attaccanti. Siamo i finalizzatori, ma siamo anche i più esperti. Quindi nessuna pressione, ci divertiamo tantissimo anche in settimana negli allenamenti. Giocare in questa squadra è un piacere… Vorrei abbracciare la coppa ma non posso…”.

19.18Gasperini: “Mi fanno tanti complimenti come l’artefice di tutto. Io continuo a ripetere che nessuna squadra fa risultati senza ottimi giocatori. Se l’Atalanta riesce a confermarsi su questi livelli, bisogna anche rivalutare i calciatori di questa squadra. Quando si parla di Gomez, Ilicic, Zapata e gli altri, vi invito a pensare se messi nelle big del nostro campionato se non è vero che potrebbero fare altrettanto bene. Io credo di sì. Oggi l’Atalanta è in questa posizione è frutto del mio lavoro, ma moltissimo anche della capacità di questi ragazzi, altrimenti diventerebbe tutto difficile. Continuità di risultati? Abbiamo introiti, ma molti meno agli altri, e questo è una difficoltà. Se deve togliere alcuni giocatori e confermarsi con i risultati, o siamo dei geni oppure sbagliano da altre parti. In tre anni il risultato è già qualcosa di eccezionale. Per questo dicevo, bisognerebbe mettere in condizione questa società di continuare a rimanere su questi livelli. Nessuno qui pensa che l’Atalanta riuscirà sempre a mantenere questi livelli”.

19.17Gasperini: “Strano pensare che l’Atalanta sia favorita sulla Lazio in una finale di Coppa Italia. Noi abbiamo le nostra chance. Vediamo come andrà, la partita è equilibrata, i valori sono molto vicini ma la gara è completamente diverse dalle altre. Nelle finali sono gli episodi che cambiano le gare. Noi abbiamo dimostrato che si può andare anche oltre al singolo episodio”.

19.16Gomez: “In questi anni c’è stato un cambiamento di tutti. Dalla società alla mentalità, ma soprattutto con mister Gasperini. Lui ha cambiato la testa di tutti. Prima pensavamo alla salvezza e basta, adesso si gioca per altri traguardi, molto più importanti. L’Atalanta è una delle migliori società in Italia, ma forse senza Gasperini non avremmo raggiunto questi livelli”.

19.15Gomez: “Per l’Atalanta rappresenta molto. Sarebbe una vittoria straordinaria per il club. Ho giocato tante partite importanti in Sud America. Io spero di vincere con l’Atalanta perché sarebbe incredibile”.

19.12Gasperini: “La finale è atipica perché ci siamo noi, ma la Lazio è sempre stata presente. Eliminare la Juventus ai quarti ci ha dato la credibilità di poter arrivare in finale. Con la Fiorentina sono state gare combattute, però quella vittoria ti dà la possibilità di pensare alla finale. In questi ultimi anni la Juventus ha dominato su tutti, questo è il primo anno che dovrà lasciare almeno un trofeo. C’è movimento nel calcio italiano, ma c’è distanza dal primo posto. Tutte devono cercare di avvicinarsi alla Juventus altrimenti vincerà sempre. Per noi diventa difficile mantenere certi livelli. Perché vengono premiate solo se vendono i migliori giocatori. Servirebbe un sistema per valorizzare la meritocrazia”.

19.11Gasperini: “Sugli esterni abbiamo delle soluzioni. Ci siamo tutti, a parte purtroppo Toloi. Per il resto ho la possibilità di usare tutte le varianti possibili. Per le scelte vedremo domani”.

19.09Gasperini: “Questa squadra ha rimontato tante partite. Spesso si è trovata in svantaggio. Ha sempre avuto le risorse per ripartire e ribaltare i risultati. La gara ha delle difficoltà per la forza della Lazio, ma noi lavoriamo per fare la miglior partita. Noi favoriti? In una finale non c’è mai un favorito, meglio ancora se giochi contro la Lazio a Roma. Secondo me è una finale imprevedibile, ci stanno tutti i risultati. Il fatto di aver vinto dieci giorni fa ci ha dato consapevolezza che noi possiamo vincere, ma è un’altra partita. Si parte dallo 0-0 e il risultato è aperto a qualsiasi cosa”.

19.08Gasperini: “Il cambio di ruolo di Gomez ha influito molto perché ci ha dato equilibri diversi. All’inizio abbiamo fatto fatica, diversi erano andati via e dovevamo inserire i nuovi come Zapata. Giocando abbiamo trovato equilibri diversi, fino a fare quei numeri straordinari di oggi. Soprattutto per la capacità realizzativa: pensare che l’Atalanta fosse l’attacco più forte era difficilmente prevedibile. Ma anche sui punti. Si parla bene della qualità del gioco, ma quello che è importante sono le vittorie e i punti”.

19.07 – Gasperini: “C’è grande emozione. Sentiamo l’interesse intorno a noi. Però credo che man mano che ci avviciniamo sparisce tutto e la concentrazione va sul campo. E’ stato così in tante partite. Ormai di gare importanti ne abbiamo giocate tante l’anno scorso all’Empoli. Questa squadra fa risultati da mesi”.

19.06 – Gasperini: “Tutti i risvolti sono possibili. Stiamo interpretando la gara per quella che è. La Lazio è forte. Ma in questo momento la squadra è concentrata sulla partita. Ed è stata sempre la nostra forza, cioè isolarci dal contesto e pensare alla gara. Abbiamo le nostra chance. Loro sono forti, ma in questo campionato abbiamo saputo vincere contro tutti, anche la Lazio. Per quanto difficile, è una partita alla portata”.

19.05 – Gasperini: “Io sono molto contento di questo traguardo. E sarei ancora più contento se vincessimo. Abbiamo ottenuto questo risultato tutti insieme, dai calciatori ai tifosi. Sarà comunque un successo fantastico portare così tanta gente a Roma da Bergamo. Poi ci sarà la partita”.

LEGGI ANCHE – Addio De Rossi, Totti: “E’ un giorno triste. Sapevo che sarebbe successo. Resterai sempre mio fratello”