Home MotoGP MotoGP Jerez, Marquez: “Prima fila importante. Bravo Quartararo”

MotoGP Jerez, Marquez: “Prima fila importante. Bravo Quartararo”

CONDIVIDI

marc marquez MotoGP Jerez

MotoGP, Jerez 2019: Marquez commenta le Qualifiche del sabato.

Marc Marquez ha dovuto accontentarsi della terza posizione oggi nelle Qualifiche MotoGP di Jerez. Qualche errore di troppo nel suo ultimo giro gli hanno impedito di strappare il miglior tempo a Fabio Quartararo, che gli ha tolto il record di poleman più giovane di sempre nella classe regina del Motomondiale.

Comunque il sette volte volte campione del mondo è in prima fila ed è accreditato di un ottimo passo gara. Sarà lui l’uomo da battere in gara. L’anno scorso vinse lui e domani vuole ripetersi, anche per buttarsi alle spalle il ritiro di Austin. Il fenomeno di Cervera ha la giusta competitività in sella alla sua Honda RC213V per riuscire nel proprio obiettivo.

>>Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport >> CLICCA QUI

Marquez nel post-Qualifiche MotoGP di Jerez si è mostrato soddisfatto del suo piazzamento, ora è concentrato sulla corsa ed è fiducioso: «Complimenti a Quartararo, ha fatto un bellissimo giro. È stato forte, congratulazioni anche per avermi tolto il record del poleman più giovane. Comunque sono contento, perché essere in prima fila è importante. Vediamo domani, sembra che le due Ducati siano forti. Il nostro passo è buono, però vedremo che clima ci sarà. Col sole sarà completamente un’altra pista».

Le temperature sono decisive. Oggi erano più basse rispetto al venerdì delle prime prove libere e diversi piloti sono stati veloci. Se fa molto caldo, invece, c’è più selezione e qualcuno fatica maggiormente. Il campione del team Repsol Honda è competitivo in ogni situazione e dunque non ha i problemi di altri colleghi. Domattina nel warmup i rider della MotoGP lavoreranno per ultimare i dettagli in vista della corsa e dovranno scegliere pure le gomme da utilizzare al pomeriggio. La domenica di Jerez si preannuncia molto interessante. Vedremo cosa succederà.

Matteo Bellan