Home MotoGP MotoGP Austin, Dovizioso: “Ottenuto il massimo. Rins? L’avevo detto…”

MotoGP Austin, Dovizioso: “Ottenuto il massimo. Rins? L’avevo detto…”

CONDIVIDI

Andrea Dovizioso MotoGP Ducati

MotoGP, Austin 2019: la reazione di Dovizioso dopo la gara del Texas.

Non è stato protagonista come in altre gare, ma Andrea Dovizioso ad Austin ha ottenuto un quarto posto che alla fine è positivo. Infatti, grazie alla caduta con ritiro di Marc Marquez è proprio lui a salire in testa alla classifica mondiale MotoGP.

Il pilota della Ducati è stato intervistato da Sky Sport al termine della corsa disputata al COTA (Circuit of the Americas): «Ero pronto per combattere. Ad Austin è sempre è una gara complicata e bisogna stare tranquilli. Purtroppo ho perso troppi secondi all’inizio quando mi è mancato feeling e stavo cadendo alla curva 10. Non avevo il passo e stavo andando nel panico. Ma sono riuscito a restare tranquillo e a portare a casa il massimo. Ho lottato con Morbidelli, che in alcuni punti era più veloce. Guadagnavo in frenata e rettilineo, ciò mi ha salvato. A un certo punto ho pensato di andare a riprendere Miller, ma non avevo il passo ed energie per farlo».

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport >> CLICCA QUI

Dovizioso si sente nel complesso soddisfatto di questo weekend negli Stati Uniti, ha ottenuto un ottimo risultato alla luce anche della caduta di Marquez: «Sono contento, ero veloce e in questa pista abbiamo sempre faticato. Siamo stati anche fortunati, visto che sono avvenute delle cadute ma ci prendiamo il massimo. Con mezzo giro in più forse potevo prendere il podio, però vado a Jerez da primo in classifica e soddisfatto del feeling con la moto. Non basta, ci sono tanti piloti forti. Di Rins avevo parlato prima dell’inizio stagione, sarà tosto tutto l’anno».

Si parla poi della lotta per il titolo MotoGP e lui vede più piloti a giocarsela nel 2019: «Il campionato lungo e possono succedere tante cose. Mi sento più competitivo e a posto, la moto funziona meglio. A Jerez penso che potremo spingere più dell’anno scorso. Nel 2018 c’era solo Marquez a fare la differenza, adesso ci sono Valentino e Rins. Ci sarà anche Vinales secondo me. È più complicato, però sono felice di andare a Jerez tra due settimane. Mi aspetto di essere più competitivo nei prossimi GP, bisognerà lavorare bene».

Matteo Bellan