Home MotoGP MotoGP, Marquez: “Pronto per Austin”. Lorenzo: “Faccio progressi”

MotoGP, Marquez: “Pronto per Austin”. Lorenzo: “Faccio progressi”

CONDIVIDI
Marquez Lorenzo MotoGP Austin
MotoGP, Marquez e Lorenzo pronti per Austin.

MotoGP, team Repsol Honda carico per Austin: Marquez e Lorenzo vogliono essere protagonisti.

Nel weekend in arrivo torna la MotoGP e assisteremo al Gran Premio delle Americhe 2019 sul circuito di Austin. E Marc Marquez ci arriva con grande fiducia, avendo vinto in Argentina ed essendo in testa alla classifica.

Ma c’è un altro dato che fa credere che lo spagnolo in Texas sarà il favoritissimo per la vittoria. Infatti, da quando si corre al COTA (Circuit of the Americas) ha sempre vinto lui. Sei vittorie di fila per Marquez, che domenica cercherà la settima. Queste intanto le sue dichiarazioni in vista del GP: «Abbiamo avuto poco tempo per rilassarci tra una gara e l’altra, ma sono pronto a ripartire! Il COTA è una delle mie piste preferite. Questi circuiti in senso antiorario sembrano sempre adatti al mio stile. Anche se in passato abbiamo ottenuto molti successi, lavoreremo come facciamo sempre dalla FP1 e rimarremo concentrati. Ogni anno quando vai su una pista ci sono cose nuove da capire e da adattare».

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport >> CLICCA QUI

Il fenomeno di Cervera mantiene un profilo basso, nonostante sia consapevole di essere il favorito per il Gran Premio delle Americhe. Proverà a tornare protagonista anche Jorge Lorenzo, in grande difficoltà nelle prime due gare MotoGP del 2019. Tra problemi fisici e difficoltà nell’adattarsi alla Honda RC213V, il maiorchino non ha ancora ottenuto i risultati sperati.

Per l’appuntamento di Austin spera di compiere passi avanti. Lorenzo si sente fiducioso: «Dopo la delusione in Argentina, sono pronto per tornare in pista e guidare di nuovo. Il risultato non lo ha dimostrato, ma abbiamo fatto buoni progressi l’ultima volta e stiamo capendo sempre di più la moto. Quando le condizioni offrono grip, mi sento molto forte con la Honda. Ho bisogno di più tempo per capire come avere questa sensazione quando l’aderenza è minore».

 

Matteo Bellan