Calcio, Mourinho: “So cosa voglio, per questo ho rifiutato 4 squadre”.

Mourinho
Josè Mourinho sui desideri del futuro.

Josè Mourinho ha parlato a Bein Sports France delle sue intenzioni per le prossime stagioni. 

Futuro: “Mi sto preparando per la prossima sfida non sto in vacanza e non sono annoiato. Quando si lavora nel mondo del calcio tutti i giorni parli in conferenze stampa, hai tre partite, sessioni video, analisi delle partite, problemi quotidiani. Non abbiamo tempo per prenderci cura di noi stessi. Ora che ho questi mesi voglio riuscire a tornare ancora più preparato. Mi piace il loro lavoro quotidiano, voglio allenare un club, voglio trovarne uno quest’estate, nel mese di giugno per la preseason. So esattamente cosa non voglio, ecco perché ho già rifiutato tre o quattro offerte. E so cosa voglio, non il nome del club, ma lo stile di lavoro, il carico”.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport > > CLICCA QUI

Il tecnico portoghese spende delle parole anche per il suo collega  Arsene Wenger: “Il modo più semplice per ricordarlo è dire che è unico nel suo genere. Nel calcio di oggi, è impossibile per un allenatore rimanere dieci, quindici, venti anni nello stesso club, non penso che ne vedremo un altro così. Ora i giocatori vanno e vengono, la pressione è immensa per l’allenatore, fai una buona stagione, ma l’anno successivo già non piaci più. Se parliamo di calcio, Wenger è un allenatore dell’invincibile, Ranieri, per esempio, è un allenatore che chiamo “il miracolo” per il titolo di campione con Leicester. Wenger è uno degli invincibili: ha vinto la Premier con l’Arsenal senza perdere una partita”. 

Su Kylian Mbappe: “Quando si parla di futuro, non abbiamo bisogno di dire quello che diventerà in cinque anni o dieci, bisogna guardarlo oggi ed è assolutamente incredibile. L’età conta e penso che sia il giocatore più redditizio del mondo oggi, il giocatore più costoso del mondo. “

LEGGI ANCHE: Mourinho e il report sul Barcellona del 2006: “Il 18enne Messi infermabile, Ronaldinho imbroglione”.